Alto Adige, sottoscritta l’intesa preliminare per la riconversione dell’areale ferroviario di Bolzano

0
892
areale ferriviario bolzano rendering nuova destinazione spazi 1
areale ferriviario bolzano rendering nuova destinazione spazi 1Provincia e comune di Bolzano e Gruppo Fs gettano le basi per la trasformazione urbanistica degli spazi dismessi dallo scalo merci

Provincia, Comune e Areale di Bolzano Spa, con l’adesione di Rete Ferroviaria Italiana, Trenitalia e FS Sistemi urbani, hanno siglato a Bolzano l’intesa preliminare che anticipa la futura sottoscrizione dell’accordo di programma per il potenziamento del sistema ferroviario, la trasformazione urbanistica, la riorganizzazione e la riqualificazione delle aree ferroviarie di Bolzano.

All’incontro a Palazzo Widmann erano presenti il presidente della Provincia, Arno Kompatscher, il sindaco del capoluogo Luigi Spagnolli e gli amministratori delegati Maurizio Gentile (Rete ferroviaria italiana), Vincenzo Soprano (Trenitalia) e Carlo De Vito (Sistemi urbani FS). Quello appena formalizzato è il nuovo passo dopo il protocollo firmato nello scorso dicembre da Provincia e Comune di Bolzano che ha individuato nell’accordo di programma basato sul masterplan – sviluppato in collaborazione con le società del Gruppo FS Italiane coinvolte – lo strumento di programmazione urbana degli spazi lasciati liberi dallo scalo ferroviario. Con la firma dell’intesa preliminare viene avviato l’iter procedurale che porterà alla sottoscrizione dell’accordo di programma con effetto di varante urbanistica, concretizzando la collaborazione tra Provincia, Comune e società del Gruppo FS Italiane per un’azione coordinata, necessaria alla luce della complessità del programma e dell’esigenza di pervenire in tempi adeguati alla riqualificazione urbanistica dell’areale ferroviario.

Nell’intesa le parti convengono inoltre che la sottoscrizione dell’Accordo di programma per attuare il masterplan dovrà avvenire una volta definiti tutti gli aspetti – procedurali, tecnico-funzionali, patrimoniali, economici e finanziari, nonché obblighi e diritti – connessi alla messa a disposizione da parte delle società del Gruppo FS Italiane degli immobili e degli impianti esistenti. Attualmente sono ancora in corso le relative verifiche tra le strutture tecniche delle parti coinvolte.

PAB sottoscrizione accordo areale ferroviario BZ kompatscher spagnolli soprano gentile de Vito 1Il presidente Kompatscher ha sottolineato lo spirito di collaborazione che si concretizza nell’azione congiunta degli enti locali e del Gruppo FS Italiane e ha ricordato che questa operazione «rappresenta un passo fondamentale per il futuro del capoluogo. Sarà anche la più grande iniziativa di sviluppo urbano dei prossimi decenni a Bolzano. Lavoriamo assieme a un progetto condiviso e secondo un preciso cronoprogramma per garantire i presupposti urbanistici adeguati».

Il progetto di recupero degli spazi dismessi dalla ferrovia aprirà ad investimenti che porteranno a generare un miliardo di euro di volume d’affari, che saranno realizzati sui 350.000 metri quadri a ridosso del centro storico liberati dai binari. L’operazione prevede l’investimento da parte del pubblico di 260 milioni di euro per lo spostamento dei binari e la riqualificazione dell’attuale stazione ferroviaria.