A Gualtieri antologica di Antonio Ligabue allestita da Mario Botta

antonio ligabue autoritratto
antonio ligabue autoritrattoA Palazzo Bentivoglio la mostra a cinquant’anni dalla scomparsa dell’artista

Sarà Mario Botta a curare l’allestimento dell’antologica di Antonio Ligabue che si terrà a Palazzo Bentivoglio a Gualtieri (RE), dal 31 maggio all’8 novembre 2015, a cinquant’anni dalla scomparsa dell’artista.

L’architetto svizzero, tra i più noti e apprezzati a livello internazionale, si è lasciato coinvolgere dalle suggestioni create dalla magia di piazza Bentivoglio a Gualtieri, una delle più belle d’Italia, «chiara e semplice» ha dichiarato Mario Botta, che parla di un patrimonio che dal Rinascimento fino a De Chirico ha interpretato la “polis” nella luce mediterranea, dal cinquecentesco complesso architettonico e dal suo spazio più spettacolare, il Salone dei Giganti, «una meraviglia architettonica per la dimensione dello spazio, per le pitture degli affreschi alle pareti e per la carpenteria lignea del tetto».



Mario Botta sente di avere un legame speciale con Antonio Ligabue, «artista selvaggio e primitivo, vissuto nei decenni scorsi ai margini di questa città, che ora viene riconosciuto per la profondità del suo essere e per la sapienza del suo fare».«È con la consapevolezza del suo lavoro – continua – che ho accettato di allestire l’esposizione; un’occasione per saldare, almeno in parte, un debito morale di riconoscenza verso un personaggio che non ho mai incontrato».

L’allestimento prevede un tappeto nero a copertura del pavimento del Salone dei Giganti per evidenziare la cromaticità delle pareti mettendone in risalto sfumature, toni, ripristini e lacune. Al visitatore sarà offerto un confronto tra la solennità di uno spazio aulico con la precarietà del vivere di Ligabue.«È nell’intento di un dialogo feriale, semplice e diretto – conclude Botta – che risiede l’idea dell’allestimento, sottolineato dalla diagonale del muro espositivo nero che attraversa la pianta del Salone».

L’esposizione, curata da Sandro Parmiggiani e Sergio Negri, col patrocinio della Regione Emilia Romagna, della Provincia di Reggio Emilia, del Comune di Gualtieri, è la prima iniziativa organizzata dalla Fondazione Museo Antonio Ligabue, nata per volere del Comune di Gualtieri, del Banco Emiliano e di Girefin SpA, con lo scopo di istituire, gestire e promuovere il Museo Antonio Ligabue e di valorizzare la figura dell’artista e propone oltre 180 opere, alcune mai presentate prima, tra dipinti, disegni, incisioni e sculture in terracotta.

La rassegna costituisce un punto fermo da cui partire per una corretta valutazione critica e storica del lavoro di Ligabue; un’occasione per riaffermare, al di là delle fuorvianti definizioni di naïf o di artista segnato dalla follia, il fascino di questo “espressionista tragico” di valore europeo che fonde esasperazione visionaria e gusto decorativo.Il percorso si snoda attraverso alcuni dei massimi capolavori di Ligabue, suddivisi nei tre periodi nei quali si è soliti ripartire la sua opera (1928-1939; 1939-1952; 1952-1962), coprendo tutti i motivi della sua ricerca, dagli animali domestici e feroci ai paesaggi svizzeri e padani, dagli interni ai ritratti, fino ai celebri autoritratti.