Kompatscher incontra a Bruxelles il commissario all’economia e società digitale Öttinger

0
227
PAB arno Kompatscher a bruxelles con commissario ue Günther Öttinger
PAB arno Kompatscher a bruxelles con commissario ue Günther ÖttingerL’Alto Adige presenta i passi avanti fatti nella predisposizione della fibra ottica

La riforma verso il mercato unico digitale, con l’eliminazione delle barriere geopolitiche nei contenuti di Internet, è stata discussa a Bruxelles dal presidente della Provincia di Bolzano, Arno Kompatscher, nell’incontro con il commissario UE Günther Öttinger, responsabile per l’economia e la società digitali.

Kompatscher si è soffermato sulla nuova strategia europea per il mercato unico digitale che mira ad abbattere le barriere regolamentari in vigore nei 28 mercati nazionali oggi esistenti. La strategia prevede 16 azioni per rimuovere le barriere e migliorare l’accesso di consumatori e imprese a beni e servizi digitali in tutta Europa. «Queste misure puntano a creare vantaggi per i cittadini e a garantire una maggiore competitivita delle PMI sul mercato», ha sottolineato Kompatscher, che in particolare ha ricordato gli importanti effetti che avranno sul consumatore altoatesino gli interventi per agevolare l’e-commerce e i servizi digitali che attraversano le frontiere, permettendo all’utente in futuro di rivolgersi direttamente al mercato oltreconfine.

Si è discusso anche dell’eliminazione del “geo-blocking”, la pratica utilizzata dai fornitori di servizi online che limita l’accesso ai contenuti digitali a seconda del Paese di residenza. Con il “geo-blocking” un cittadino europeo non può accedere ad un contenuto, un prodotto oppure un servizio e viene dirottato su un altro sito web, con prezzi differenti. «Il commissario UE intende eliminare il “geo-blocking”, ma sono previste alcune eccezioni. Ho chiesto – ha detto Kompatscher – che in casi specifici, come potrebbero essere gli eventi sportivi, il “geo-blocking” consideri le aree linguistiche anziché le barriere geografiche. È un aspetto importante per molte regioni europee».In questo modo gli utenti della Provincia di Bolzano potranno comunque beneficiare di servizi online dall’area germanofona. «Öttinger ha assicurato che in fase di definizione della normativa terrà conto del criterio legato alle regioni di confine e ai gruppi linguistici».

Al commissario UE Kompatscher ha poi illustrato l’agenda digitale avviata in Alto Adige per eliminare il “digital divide”, favorire l’e-government e completare la realizzazione della rete di infrastruttura della banda larga su tutto il territorio e non solo nelle aree urbane. Kompatscher ha infine invitato Öttinger a una prossima visita in Alto Adige.