Officina dell’Arte cede l’80% della Barovier&Toso di Murano

0
133

Murano (Venezia). Lo Studio legale Pedersoli e Associati ha assistito Officina dell’Arte – veicolo di investimento detenuto dai fondi AVM Private Equity e Dvr&C Private Equity – nella cessione della propria partecipazione (80%) nella società Barovier&Toso, storica azienda di Murano, leader nel settore dell’illuminazione decorativa in vetro, a Oikia 3, holding di investimento che fa capo a Rinaldo Invernizzi.

Nel contesto dell’operazione anche Vetrai28, società controllata dalla famiglia Barovier, ha ceduto parte della propria partecipazione.

Iacopo Barovier è confermato presidente e amministratore delegato di Barovier&Toso garantendo, in questo modo, la salvaguardia della tradizione e la continuità della gestione.
La centenaria azienda dell’isola veneziana di Murano, leader nel settore dell’illuminazione decorativa in vetro e punto di riferimento per gli operatori del settore, che conta tra i suoi clienti Dolce&Gabbana, Dior, Louis Vuitton, Cartier, ma anche catene alberghiere come Four Seasons, Ritz Carlton e Marriott, occupa attualmente circa 80 dipendenti e ha chiuso il passato esercizio con 15 milioni di euro di fatturato, un Ebitda di 2,6 milioni e oltre 1,1 milioni di utile.

L’operazione è stata seguita da un team guidato da Antonio Pedersoli (partner), con Luca Saraceni (junior partner) e Jean Daniel Regna-Gladin (associate).

Advisor per Vetrai28 stato lo studio Grimani & Pesce Dottori Commercialisti di Venezia-Mestre.

Per Oikia3, ha agito lo studio Pirola Pennuto Zei & Associati.