Provincia di Bolzano, per la banda larga creazione di una specifica società

0
254
scandalo bonus da 600 euro pab waltraud Deeg con Arno Kompatscher
La nuova vicepresidente della provincia di Bolzano, Waltraud Deeg.
pab waltraud Deeg con Arno KompatscherDeeg: «se ne occuperà una filiale della nascenda società elettrica provinciale per portare internet veloce su tutto il territorio»

Creare un “satellite” della futura società energetica provinciale frutto della fusione tra SEL e AEW che si occuperà di completare e gestire la rete a banda larga in Provincia di Bolzano. Questa la proposta discussa dal presidente Kompatscher e dall’assessora Deeg con i rappresentanti dei comuni della provincia di Bolzano con l’obiettivo di creare una rete efficiente e portare internet veloce su tutto il territorio.

Punto di partenza dell’incontro è stato l’obiettivo dichiarato dal governo nazionale di portare internet veloce (almeno 100 Mbit/s) nell’85% delle case italiane entro il 2020. «Si tratta di un traguardo ambizioso – ha spiegato l’assessore Waltraud Deeg – ma che possiamo raggiungere se lavoriamo assieme: occorre sfruttare al meglio tutte le sinergie possibili dal punto di vista tecnologico ed infrastrutturale, accoppiandole ad un sistema mirato di incentivi. Questi sono i pilastri della nostra strategia». Negli ultimi sei mesi gli uffici provinciali hanno operato a stretto contatto con il Consorzio dei comuni per elaborare un progetto che vede il coinvolgimento diretto della nascente società energetica frutto della fusione tra SEL e AEW.

«L’idea – ha proseguito Deeg – è quella di dare vita ad una società satellite che si chiamerà “ST Fibernet”, la quale sarà chiamata non solo a completare la realizzazione della rete telematica provinciale in fibra ottica, ma anche a gestirla e a occuparsi della manutenzione assieme alla società madre». Una soluzione del genere avrebbe il vantaggio di creare un partner unico in grado di accorpare le competenze e il know-how già esistente, abbattendo inoltre i costi. «Per quanto riguarda la costruzione dell’infrastruttura – ha aggiunto Deeg – stimiamo un potenziale di risparmio di 80 milioni di euro, mentre le spese annue per gestione e manutenzione della rete potrebbero essere dimezzate. Gli utenti finali, inoltre, potrebbero beneficiare di offerte più vantaggiose da parte dei gestori i quali aprendo un contatto con un solo partner avranno accesso a tutta la rete provinciale di telecomunicazioni».

Un progetto, quello presentato dall’assessora Deeg, che trova d’accordo anche il presidente Arno Kompatscher: «l’obiettivo unico di Provincia e Comuni deve essere quello di rafforzare la competitività delle imprese e, più in generale, di tutto il territorio. Una rete efficiente in grado di portare collegamenti internet ad alta velocità anche nelle zone periferiche dell’Alto Adige è un pilastro fondamentale».

Valutazioni positive sono state espresse anche dal presidente del Consorzio dei Comuni, Andreas Schatzer, mentre la bozza presentata oggi durante l’incontro di Bolzano verrà approfondita all’interno di un apposito gruppo di lavoro composto dai rappresentanti di diverse amministrazioni municipali.