La Protezione civile del Veneto stringe alleanza con quella altoatesina per la sicurezza dei voli in elicottero

0
135
pat ostacoli nascosti volo elicotteri funicolare vecchia
Sarà creata una banca dati riferita agli ostacoli nascosti per migliorare la sicurezza dei voli. L’esperienza fatta da Bolzano con la carta digitale attiva da 12 anni e costantemente aggiornata

 

pat ostacoli nascosti volo elicotteri funicolare vecchiaLa provincia di Bolzano coadiuverà la Protezione civile della Regione Veneto nel porre in essere una propria banca dati riferita agli ostacoli di volo. I suoi vertici si sono recati a Bolzano per conoscere più da vicino la carta digitale di cui l’Alto Adige dispone da 12 anni. Situazione costantemente aggiornata per maggiore sicurezza aerea. La disponibilità in tal senso è stata espressa dal direttore della Ripartizione provinciale Foreste, Paul Profanter, al responsabile della Protezione civile veneta, Roberto Tonellato, che accompagnato dal coordinatore Giorgio De Zorzi, si sono fatti un quadro del sistema altoatesino di monitoraggio degli ostacoli di volo.

In base alla legge provinciale del 2006, i gestori di ostacoli alla navigazione aerea devono comunicare all’Ufficio pianificazione forestale della Ripartizione provinciale foreste gli ostacoli esistenti, quelli di nuova costruzione, nonché quelli smantellati. Le comunicazioni, come spiega il direttore dell’ufficio, Günther Unterthiner, sono necessarie per aggiornare costantemente la carta digitale degli ostacoli di volo, di cui la provincia di Bolzano si è dotata. Tale mappa consente ai piloti di velivoli di avere tutte le informazioni necessarie per evitare tali ostacoli e così incrementare la sicurezza aerea.

responsabile Tonellato e il coordinatore De Zorzi con la responsabile di progetto EllecostaOstacoli al volo sono (secondo la Direttiva dello Stato Maggiore della Difesa) costruzioni verticali come tralicci, antenne, sostegni, camini e costruzioni simili nonché infrastrutture lineari come funivie, elettrodotti, funi tese e infrastrutture simili che superano una certa altezza dal suolo.

Nelle carte digitali che indicano ostacoli al volo sono inseriti gli ostacoli verticali: con altezza dal suolo uguale o superiore a 60 metri, se situati nei centri abitati, e con altezza dal suolo uguale o superiore a 15 metri, se situati fuori dai centri abitati. Sono, inoltre, indicati gli ostacoli lineari con altezza dal suolo uguale o superiore a 15 metri, o costituiti da elettrodotti con tensione superiore a 50 chilovolt (indipendentemente dall’altezza dal suolo), nonché tutti gli ostacoli con altezza dal suolo inferiore a 15 metri, situati fuori dai centri abitati, aventi una particolare ubicazione e non facilmente riconoscibili. 

Con riferimento alla situazione al 31 gennaio 2015, la carta digitale degli ostacoli di volo dell’Alto Adige evidenzia 2.483 ostacoli lineari (di cui 247 impianti di risalita, 1.262 piccole teleferiche e 419 elettrodotti) e 772 ostacoli verticali. Nel corso del 2014 sono stati comunicati 296 nuove installazioni e 323 smantellamenti. I dati, come spiega la responsabile di progetto Imelda Ellecosta ed il tecnico Walter Gruber, vengono costantemente attualizzati e possono essere visualizzati sul Geobrowser in dotazione ad ogni elicottero.