Emilia Romagna tutta digitalizzata entro il 2025

0
324
internet www mouse mondo
La Regione è passata alla fase operativa con l’investimento di oltre 100 milioni di euro

 

internet www mouse mondoIl presidente Stefano Bonaccini ha dato il via alla fase “costituente” dell’Agenda Digitale regionale in Emilia-Romagna, che per il 2025 si pone l’obiettivo di diventare al “100% digitale”: un territorio dove le persone vivono, studiano e lavorano utilizzando le tecnologie, internet e il digitale in genere, senza che tutto ciò rappresenti un’eccezionalità. 

«Non partiamo da zero – ha sottolineato l’assessore regionale di settore Raffaele Donini – l’Agenda Digitale ha già una programmazione dei fondi strutturali concordati in sede Ue per oltre 100 milioni: basti pensare ai 75 milioni sulla banda ultra larga e ai 30 mln destinati alla creazione di 10 laboratori “viventi” nelle principali città della regione. E’ verosimile pensare, inoltre, che l’Agenda Digitale svilupperà investimenti per almeno 200 milioni di euro. Scopo della “costituente” è focalizzare gli obiettivi, riunire le esperienze e le migliori risorse della nostra comunità e sviluppare progetti che, in coerenza con l’azione promossa dall’Europa, possano anche intercettarne i finanziamenti. Sappiamo – ha aggiunto – che la diffusione di internet nella società produce effetti positivi su Pil e occupazione. Parliamo di un effetto che può arrivare a un punto e mezzo di Pil e un +1,45% di occupazione giovanile a fronte di un aumento del 10% di diffusione di internet. Il 2025 offrirà tecnologie e servizi web che oggi non possiamo immaginare. Il territorio e la popolazione dell’Emilia-Romagna devono però essere preparati a tutto questo affinché ne siano accentuate le opportunità e siano gestiti rischi e limiti». 

Oggi in Emilia-Romagna sono in forte crescita gli strumenti di comunicazione “immediata”: l’instant messaging è aumentato del 16% rispetto al 2010 ed è usato da 1,3 milioni di persone, l’uso delle chat e dei blog è cresciuto del 25% ed è praticato da 1.168.000 persone; i social media sono usati dal 54% degli utenti Internet. Il 29% dei cittadini si affida ai sistemi cloud per salvare o condividere documenti (in linea con la media europea). Più lentamente, ma crescono anche gli utilizzatori di servizi “delicati” come l’home banking (circa 1 milione di persone). Il 24% si rapporta con la pubblica amministrazione usando il web (23% è il dato nazionale, 47% quello europeo). 

In generale l’Emilia-Romagna parte meglio “equipaggiata” rispetto alla media nazionale, ma in ritardo rispetto all’Agenda Digitale europea: ha il 65% della popolazione tra 16 e 74 anni che utilizza internet almeno una volta a settimana (+6% rispetto alla media nazionale, ma l’obiettivo europeo 2015 è il 75%). Tra i risultati ottenuti dalle politiche regionali, il 100% della popolazione è raggiunto da banda larga a 2 Mbps, il 39% dalla banda ultra larga ad almeno 30Mbps e l’1,36% a 100Mbps; 378 scuole sono connesse in banda ultra larga, 12.650 i cittadini formati con corsi di alfabetizzazione digitale, 115.000 i fascicoli sanitari elettronici attivati.