Dal Tar Veneto via libera alle nuove sedi di farmacia

0
403

Venezia. Non si arrendono al mercato i titolari di farmacia che ricorrono contro l’apertura di nuove sedi. Dall’inizio dell’anno sono già 13 le pronunce di rigetto del TAR Veneto contro le impugnazioni dei 14 provvedimenti comunali di istituzione di nuove sedi di farmacie in tutto il Veneto risalenti al 2012.

Accolto un solo ricorso motivato dal fatto che la nuova sede di farmacia non rispetta le distanze previste dalla farmacia già esistente. Così a Badia Polesine (Rovigo) il farmacista Guido Bonetto – rappresentato e difeso dagli avvocati Francesco Acerboni (studio legale 125 Consulting), Matteo Ceruti e Massimo Ubertone degli omonimi studi legali in Rovigo – ha vinto il ricorso contro il Comune e la Regione del Veneto non costituiti in giudizio, poiché la nuova farmacia sarebbe situata ad appena 100 metri dall’esistente, in violazione della distanza minima prevista tra una sede e l’altra di 200 metri.

“RESPINTI 13 RICORSI CONTRO L’APERTURA DI NUOVE FARMACIE”

Respinti invece tutti gli altri ricorsi per bloccare l’apertura delle nuove sedi di farmacia, poichè secondo il Tar Veneto “non è manifestamente irrazionale che una nuova farmacia venga collocata in un’area già servita dalle farmacie preesistenti, se l’entità della popolazione interessata lo giustifica ed è vero che l’aumento del numero delle farmacie risponde anche allo scopo di estendere il servizio farmaceutico alle zone meno servite, ma tale indicazione non è tassativa né esclusiva”.

Nel rodigino ad Occhiobello il farmacista Daniele Bulgarelli – difeso dagli avvocati Claudio Duchi e Quintino Lombardo (studio legale Cavallaro Duchi Lombardo), e dall’avvocato Marika Stigliano Messuti (studio legale Papandrea Stigliano Messuti) – ha perso il ricorso contro il Comune di Occhiobello, difeso dall’avvocato Emanuele Mazzaro (studio legale Mazzaro Giordani), l’Azienda Ulss N. 18 Rovigo e la Regione Veneto.

“RICORSI A SANDRIGO, CORNEDO VICENTINO”

Nel vicentino a Sandrigo il Comune ha vinto contro la Farmacia Madonna del dott. Chemello Mariano & C., – difesa dagli avvocati Adriano Tolomeo, Angelo Petracca, Alessandro Tommaseo Ponzetta. La farmacia dall’aprile 2015 è soggetta al controllo commercialista Paolo Dal Monico, nominato commissario del concordato con riserva dal Tribunale di Vicenza. Il Comune di Sandrigo è difeso dall’avvocato Emanuele Mazzaro (studio legale Mazzaro – Giordani), mentre la Regione Veneto, che è parte in tutti i ricorsi dei farmacisti, è difesa dagli avvocati interni Ezio Zanon, Chiara Drago, Cecilia Ligabue e Tito Munari.

Altri ricorsi sempre respinti riguardano la Pomo Verde del farmacista Paolo Rigo – con gli avvocati Silvano Ciscato dello studio Benetti Ciscato Magaraggia e Associati e Laura Bertolaso – contro il Comune di Cornedo Vicentino con l’avvocato Giovanni Luca Veccia, la Regione Veneto, l’Azienda Ulss N. 5 Ovest Vicentino con l’avvocato interno Stefano Cocco e l’Ordine dei Farmacisti di Vicenza. Ancora a Caldogno il farmacista Bortolo Sanson – difeso dagli avvocati Quintino Lombardo e Silvia Cosmo (studio legale Cavallaro Duchi Lombardo), e Marika Stigliano Messuti (studio legale Papandrea Stigliano Messuti) – ha perso il ricorso contro il Comune di Caldogno, difeso dall’avvocato Manfredo Napoli, l’Azienda Ulss N. 6 Vicenza, e l’Ordine provinciale dei Farmacisti, non costituiti in giudizio.

“NEL VENEZIANO A MIRANO E MUSILE DI PIAVE”

A Mirano nel veneziano la farmacista Anna Mistrorigo – con gli avvocati Bruno Riccardo Nicoloso (studio legale Nicoloso), Fiorenza Scagliotti e Piera Toso (studio legale Scagliotti Furlan Toso Grassetto), e Sergio Dal Pra’ (studio legale Dal Pra’) – ha visto respingere il ricorso contro il Comune di Mirano, difeso dall’avv. Alfiero Farinea (studio legale Farinea).

A Musile di Piave la Farmacia di Pavanetto Nicola, difesa dall’avvocato Fabio Lena, ha perso contro il Comune di Musile di Piave difeso dall’avvocata Maria Teresa Borgato Pagotto.

“NEL CAPOLUOGO DELLA MARCA, A PAESE E RESANA”

Nella Marca Trevigiana il farmacista Paolo Marini – con gli avvocati Bruno Riccardo Nicoloso e Sergio Dal Pra’ – ha perso il ricorso contro il capoluogo della Marca difeso dal legale interno Giampaolo De Piazzi. Nemmeno gli interventi di Federfarma – Federazione Nazionale Unitaria dei Titolari di Farmaci Italiani – difesa dal prof. avvocato Massimo Luciani e dall’avvocato Elena Dalla Santa, sono serviti a corroborare le ragioni davanti al TAR che ha respinto tutte le pretese.

Stessa sorte alla farmacista Italia Pilla di Resana – difesa dagli avvocati Quintino Lombardo, Claudio Duchi e Marika Stigliano Messuti – contro il Comune, difeso dall’avvocato Emanuele Mazzaro.

Sempre nel trevigiano i farmacisti Marco Silvestri,Valentina Alessi Battaglini, Marcella Silvestri – difesi dall’avvocato Andrea Codemo – hanno perso il ricorso contro il Comune di Paese, difeso dagli avvocati Francesco Acerboni e Diego Signor (studio legale Barel, Malvestio e associati), l’Azienda Ulss N. 9 Treviso e l’Ordine dei Farmacisti della Provincia di Treviso, non costituiti in giudizio;

“A PIOVE DI SACCO, SAONARA, ALBIGNASEGO E SELVAZZANO”

Nel padovano a Piove di Sacco è stato il turno del farmacista Paolo Contin – difeso dagli avvocati Valeria Zambardi (studio legale Pavanini Zambardi Colaiocco e Baldin) e Fabrizio Scagliotti (studio legale Scagliotti e Carraro) – che ha perso il ricorso contro il Comune di Saonara, difeso dall’avvocato Pier Vettor Grimani dell’omonimo studio legale.

Mentre ad Albignasego è stato il farmacista Gianpaolo Cupellini – difeso dagli avvocati Luisa Galli e Paride Padula, contro il locale Comune, difeso dall’avvocato Fulvio Lorigiola (studio legale Segantini e Lorigiola), e la farmacista Marta Montagna non costituita in giudizio, a vedere respinte le pretese.

A Selvazzano Dentro sono state la farmacia di Andreoli Francesca e la Sanfiori di Pagnan Francesca – difese dal prof. avvocato Vittorio Domenichelli con l’avvocato Federica Sgualdino (studio legle Domenichelli) e dall’avvcoato Franco Zambelli (studio legale Zambelli Tassetto) – contro il Comune di Selvazzano difeso dall’avvocato Fulvio Lorigiola.

“NEL VERONESE A CASTEL D’AZZANO”

Infine nel veronese la farmacista Patrizia Armani – difesa dagli avvocati Andrea Leoni e Stefano Conti (studio legale Leoni Conti) e dall’avvocato Franco Zambelli – ha perso il ricorso contro il Comune di Castel D’Azzano, difeso dall’avvocato Marco Segalla.

Scopri tutti gli incarichi: Francesco Acerboni – 125 Consulting Professionisti d’Impresa; Matteo Ceruti – Ceruti Matteo; Massimo Ubertone – Ubertone; Quintino Lombardo – Cavallaro Duchi Lombardo Studio Legale; Claudio Duchi – Cavallaro Duchi Lombardo Studio Legale; Silvia Cosmo – Cavallaro Duchi Lombardo Studio Legale; Marica Stigliano Messuti – Papandrea Stigliano Messuti; Emanuele Mazzaro – Mazzaro Giordani – Avvocati e Commercialisti; Adriano Tolomeo – Tolomeo Adriano; Angelo Petracca – Petracca; Alessandro Tommaseo Ponzetta – Tommaseo Ponzetta Alessandro; Giovanni Luca Veccia – Veccia studio legale; Manfredo Napoli – Napoli Manfredo; Bruno Riccardo Nicoloso – Nicoloso Bruno Riccardo; Fiorenza Scagliotti – Scagliotti Furlan Toso Grassetto; Piera Toso – Scagliotti Furlan Toso Grassetto; Sergio Dal Pra’ – Dal Pra’ Sergio; Alfiero Farinea – Farinea Alfiero; Maria Teresa Pagotto Borgato – Pagotto Borgato; Fabio Lena – Lena Fabio; Massimo Luciani – Luciani Massimo; Elena Dalla Santa – Dalla Santa Elena; Andrea Codemo – Codemo – Corrado; Diego Signor – Barel Malvestio & Associati; Valeria Zambardi – Pavanini Zambardi Colaiocco e Baldin; Fabrizio Scagliotti – Scagliotti Carraro; Luisa Galli – Galli Luisa; Paride Padula – Padula Paride; Fulvio Lorigiola – Segantini e Lorigiola; Federica Sgualdino – Domenichelli Studio Legale; Vittorio Domenichelli – Domenichelli Studio Legale; Stefano Conti – Leoni Conti; Andrea Leoni – Leoni Conti; Franco Zambelli – Zambelli-Tassetto; Marco Segalla – Segalla Marco; Pier Vettor Grimani – Grimani Pier Vettor; Paolo Dal Monico – Sicpro; Laura Bertolaso – Bertolaso Laura;