Commercialisti a Vicenza: appuntamento con la storia dell’emancipazione femminile

0
134

Per porre l’attenzione sulla perdurante disuguaglianza tra i sessi i Comitati Pari opportunità dell’Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili, degli avvocati e dei Consulenti del Lavoro di Vicenza, organizzano un incontro gratuito ed aperto alla cittadinanza con il prof. Enzo Ciconte, autore di “Storia dello stupro e di donne ribelli”.

“MARTEDì 19 INCONTRO CON I PROFESSIONISTI”

Martedì 19 aprile 2016 alle ore 17:00, in Contrà del Monte, 13, presso la sala conferenze dell’Ordine dei Commercialisti si terrà l’incontro “Storia dell’emancipazione femminile: nella professione e nella vita civile”.
dopo gli interventi introduttivi di Carlotta Baruchello consigliere delegato alle Pari Opportunità ODCEC Vicenza, Lucia Fazzina presidente Comitato Pari Opportunità Ordine Avvocati Vicenza e Amelia Muraro coordinatrice per le Pari Opportunità Ordine dei Consulenti del Lavoro di Vicenza, si terrà la tavola rotonda con il prof. Enzo Ciconte scrittore e docente all’Università di Pavia, Francesca Nisticò avvocato in Vicenza e Antonella Barcaro commissione di studio per le Pari Opportunità ODCEC Vicenza. I lavori saranno moderati da Carla Favero, presidente Commissione Pari Opportunità ODCEC Vicenza.

“MERCOLEDì 20 INCONTRO CON LE SCUOLE”

Il mattino di mercoledì 20 aprile il prof. Ciconte, esperto di storia e semiotica delle organizzazioni mafiose, incontrerà gli studenti dell’Istituto Professionale Servizi Sociali Bartolomeo Montagna di Vicenza per affrontare il tema del rapporto tra mafia e legalità e dei meccanisimi di penetrazione delle mafie nel tessuto economico e sociale del Nord Italia.

Enzo Ciconte (Soriano Calabro, 1947), “scrittore, docente universitario ed ex-deputato della X legislatura della Repubblica italiana ha dedicato larga parte della sua vita accademica e professionale allo studio della mafia e della criminalità organizzata del Mezzogiorno. Dal 2013 è titolare della cattedra di “Storia delle Mafie Italiane” presso il Collegio Santa Caterina dell’Università di Pavia. Tra i suoi ambiti di ricerca, oltre alla storia e alla semiotica delle organizzazioni mafiose, vi è un’acuta e, per certi versi, profetica analisi dei meccanismi di penetrazione delle mafie nel nord Italia, specie della ‘Ndrangheta calabrese, che è tra i primi a inquadrare storicamente. Tra i suoi ultimi lavori: “Storia dello stupro e di donne ribelli” (2014) e “Riti criminali. I codici di affiliazione alla ‘ndrangheta” (2015). Per undici anni è stato consulente della Commissione Parlamentare Antimafia, attività che dal 2010 continua a esercitare a tempo parziale.”