Società Filarmonica di Trento, riapertura autunnale della stagione con l’Orchestra da Camera di Brescia

0
148
11.OrchestraCameraBrescia RID
Interessante programma con l’esecuzione in “prima” assoluta del Concerto per clavicembalo e archi di Roberto di Martino e la prima trascrizione moderna del concerto di Turrini

 

11.OrchestraCameraBrescia RIDMartedì 4 ottobre ritornano (ore 20.45) gli appuntamenti con la Stagione dei concerti della Società Filarmonica di Trento dopo la lunga pausa estiva. Nella sala dei concerti del sodalizio musicale cittadino arriva l’Orchestra da Camera di Brescia (OCB), realtà che nasce nei primi anni Novanta e dal 2007 affida la direzione artistica al M° Filippo Lama che ne riveste anche il ruolo di Konzertmeister. 

Intento principale dell’OCB è affrontare un importante repertorio per orchestra da camera proponendo esecuzioni frutto di una totale partecipazione artistica e interpretativa di un gruppo di musicisti che da tempo collabora, ispirato da intenti comuni e condivisi. Gli anni più recenti d’attività hanno visto l’OCB spaziare dal Classicismo al Novecento, dal Romanticismo al Contemporaneo con prime esecuzioni assolute (Riccardo Frizza, Sandro Perotti, Paolo Ugoletti) di brani ad essa dedicati raccogliendo unanimi consensi. Protagonista di apprezzati concerti, ha collaborato con affermati direttori e solisti tra cui Wolfram Christ, Federico Mondelci, Dora Schwartzberg, Elisabeth Fontan-Binoche, Federico Colli, Anna Loro, Giovanni Angeleri. Una menzione particolare merita la sinergia con il maestro Umberto Benedetti Michelangeli. 

Nato nel 1983 a Trento, Simone Vebber dopo il diploma in organo e pianoforte a Trento, si è perfezionato in organo, cembalo e fortepiano presso l’Accademia Internazione di Musica Antica di Milano sotto la guida di L. Ghielmi e A. Di Renzo. Ha pure conseguito il Diplôme de Concert presso la Schola Cantorum di Parigi con J.P. Imbert e la Medaglia d’Oro in Improvvisazione presso il CNR di Saint Maur (Parigi) con P. Pincemaille. Vincitore di numerosi concorsi (primo Premio al “J.J.Fux” di Graz, al “Bach” di Saint-Pierre-lès-Nemours e al “P. Hurford” di St. Albans) ha al suo attivo un’intensa attività concertistica che lo ha portato a suonare in veste di solista in importanti festival organistici in tutta Europa. 

Con questo concerto prosegue l’omaggio offerto al compositore trentino Roberto Di Marino con la prima esecuzione assoluta del suo Concerto per clavicembalo e orchestra d’archi appositamente commissionato. «I tre movimenti del concerto per clavicembalo rimandano alla più tipica tradizione del concerto solistico da Vivaldi ai nostri giorni – afferma l’autore -. La struttura di ciascun movimento riprende modelli storici ben consolidati. Nel primo l’organizzazione del materiale (tonale) è più vicina al modello barocco che a quello classico-romantico. Un ritornello orchestrale viene esposto per intero all’inizio e alla fine del movimento mentre la parte intermedia è costituita da esposizioni parziali del ritornello orchestrale e da un serrato dialogo fra strumento solista e orchestra. Lo stile musicale è reso attuale dall’uso costante elementi poliritmici in tutti movimenti. Sono strutture ritmiche ripetitive, di origine africana, accolte nella musica occidentale, sia colta che di consumo, soprattutto attraverso la mediazione del jazz. Un ulteriore elemento che avvicina la musica a una sensibilità moderna è la semplificazione e concisione del linguaggio armonico che ci è stata resa famigliare da un certo minimalismo americano e nordeuropeo».

Nel programma della serata, la giovanile sinfonia di Felix Mendelsshon Bartoldy che a quattrodici anni aveva composto già dodici sinfonie: l’OCB eseguirà la Sinfonia n. 10. 

A seguire l’esecuzione del concerto per clavicembalo e orchestra di Turrini nella trascizione di Antonio Carlini che sarà eseguito per la prima volta nella sua veste moderna. Chiude il programma della serata l’esecuzione di Due melodie elegiache di Edward Grieg e la Simple Symphony op. 4 di Benjamin Britten.

 

 

 

 

 

Programma

 

F. Mendelssohn

(1809-1847)

Sinfonia in si min. n. 10

Adagio – Allegro

 

F. G. Turrini

(1749-1812)

Concerto per clavicembalo e archi in Do magg. (prima esecuzione moderna; trascr. A. Carlini)

Allegro cantabile – Andante sostenuto – Presto

 

R. Di Marino

(*1956)

Concerto per clavicembalo e archi (prima esecuzione assoluta su commissione della Società Filarmonica di Trento)

Moderato – Largo – Allegro

 

E. Grieg

(1843-1907)

Due melodie elegiache op. 34

 

B. Britten

(1913-1976)

Simple Symphony op. 4

Allegro ritmico – Playful Pizzicato – Sentimental Saraband – Frolicsome Finale