Spumanti: export Italia in crescita, in calo quello dalla Francia

0
213
tnspa bottiglia spumante fuoriuscita tappo foto carlo baroni 18155
Secondo Wine Monitor di Nomisma il boom del Prosecco accorcia le distanze con lo Champagne

 

tnspa bottiglia spumante fuoriuscita tappo foto carlo baroni 18155L’export degli spumanti “Made in Italy”, secondo le stime di Wine Monitor-Nomisma, chiuderà l’anno arrivando al record di 1,2 miliardi di euro. Al contrario, la Francia dovrebbe attestarsi sui 2,7 miliardi, in leggera flessione (-1%) rispetto al 2015 e la Spagna a 415 milioni di euro (-3%).

Wine Monitor fa il punto sulle vendite all’estero degli spumanti italiani, evidenziando come l’Italia abbia ridotto le distanze con la Francia, mettendo a segno una crescita a valore superiore al 25%, a fronte di una leggera flessione delle bollicine d’oltralpe (-1%). Tutto merito del Prosecco che dovrebbe chiudere l’anno con il vento in poppa, trascinando così al rialzo tutta la categoria, al contrario del più blasonato Champagne che invece terminerà con gli stessi valori di export dell’anno precedente (con una riduzione a cavallo dell’1%), così come il Cava spagnolo che arretrerà di qualche punto percentuale (-3%). 

«In alcuni tra i principali mercati mondiali, gli spumanti italiani mettono a segno crescite nell’export a fronte di cali dei principali concorrenti – sostiene Denis Pantini, responsabile Wine Monitor di Nomisma -. Non solo cresciamo più dei francesi nell’export, ma sono gli stessi cugini d’oltralpe ad aumentare gli acquisti dei nostri spumanti. Tra il 2010 e il 2015 – continua Pantini – l’export degli spumanti Dop italiani verso la Francia (al netto dell’Asti) è praticamente decuplicato, passando da meno di 4.000 a quasi 46.000 ettolitri, per un controvalore superiore ai 15 milioni di euro». 

La tendenza sembra ulteriormente rafforzarsi nell’anno in corso: le esportazioni in Francia di spumanti Dop nei primi 9 mesi del 2016 evidenziano un’ulteriore crescita in volume dell’80%, superando già per questo periodo (e ancora prima delle festività di fine anno) i 55.000 ettolitri. 

A livello qualitativo i migliori Metodo Classico italiani non hanno nulla da invidiare ai Champagne, ma spesso li superano, come dimostra l’esperienza di Ferrari con il suo “Giulio Ferrari Riserva del Fondatore”.