Per la mela del Trentino si avvicina la certificazione Igp

0
515
Iasma mela varietà Golden Delicious cl.B MM.4.02
Sarà tutelata la produzione melicola di tutta la Provincia,oltre alla Dop che già protegge la produzione della Val di Non

Iasma mela varietà Golden Delicious cl.B MM.4.02Avanza a grandi passi il procedimento per il riconoscimento dell’Igp “Mela del Trentino” a favore di tutta la produzione melicola provinciale che non rientra nella già attiva Dop Melinda riservata alla produzione della Val di Non.

Due funzionari del ministero per le Politiche agricole alimentari e forestali sono saliti a Trento per condurre la riunione di pubblico accertamento indetta per raccogliere eventuali criticità o elementi ostativi al progetto. All’incontro sono stati invitati i rappresentanti dei comuni, degli operatori economici e delle organizzazioni professionali, dai quali non sono emerse particolari osservazioni o critiche al disciplinare.

Se i funzionari del Ministero concederanno il riconoscimento della produzione transitoria, i produttori trentini potranno utilizzare la certificazione IGP in via temporanea, in attesa che la Commissione Europea competente si prenda il tempo necessario per concludere il procedimento e autorizzare l’utilizzo definitivo.

Il marchio europeo di IGP riconosce come specialità regionali le produzioni europee, e viene utilizzato per valorizzare il “plus” derivato dalla provenienza ai fini commerciali soprattutto nei mercati esteri. L’indicazione riconosce come tipiche delle mele del Trentino le caratteristiche di sapore, equilibrato e gradevole, oltre a forma, colorazione, consistenza (durezza) e grado zuccherino. 

L’IGP identifica un territorio e la sua capacità di produrre valore con la qualità delle produzioni, l’organizzazione, il lavoro delle persone. Una economia in gran parte cooperativa. In Trentino i soci di cooperative frutticole aderenti alle organizzazioni di produttori promotrici dell’iter sono circa 6.300, coltivano nel complesso 9.500 ettari di frutteto e danno lavoro a oltre 1.500 persone, per un totale di oltre 5 milioni di quintali di mele prodotte e commercializzate ogni anno.

Con l’ottenimento dell’IGP, le mele del Trentino saranno dunque riconosciute a pieno titolo per tradizione, qualità e notorietà. L’IGP riguarderà 8 varietà: Gala, Fuji, Morgenduft, Granny Smith e Pinova, oltre alle Golden Delicious, Red Delicious e Renetta prodotte sempre in Trentino ma fuori dalla Val di Non (area coperta dalla DOP di Melinda). La IGP potrà essere usata da tutti i produttori della provincia, a condizione che rispettino il disciplinare di produzione.