“Mittelfest” di Cividale del Friuli: chiusa la XXVI edizione con aumento 15% presenze

0
213
mittlfest 2017 uomo bolla
Nuovo importante riconoscimento internazionale per il Festival della cultura della Mittleuropa

mittlfest 2017 uomo bollaCon un aumento per il 2017 delle presenze del 15% e del 10% in spettatori e incassi si è conclusa a Cividale del Friuli (Udine) la XXVI edizione di “Mittelfest”, il festival di cultura della Mitteleuropa, quest’anno sul tema dell’Aria e dei destini d’Europa.

La manifestazione ha superato quest’anno le 13.500 presenze (12.000 l’anno scorso) a cui andranno aggiunti gli spettatori del concerto di Sting in appendice martedì 25 luglio al Parco della Lesa. Tra musica, teatro, danza, conferenze sceniche e incontri, Mittelfest 2017 – sotto la presidenza di Federico Rossi e la direzione artistica di Franco Calabretto, con la consulenza per il teatro di Rita Maffei, per il CSS-Teatro Stabile d’Innovazione, e la firma di Roberto Piaggio per il CTA sul Teatro di Figura – ha attraversato le culture d’Europa e dei Balcani, toccando circa 10 diversi Paesi, con produzioni e ospitalità italiane e internazionali, ed eccellenze artistiche del Friuli Venezia Giulia. 

Numerose anche quest’anno le collaborazioni produttive dirette sugli eventi in cartellone, con 14 spettacoli in produzione, coproduzione e collaborazione, 11 progetti speciali e 12 debutti, tra prime italiane e assolute. Calabretto conclude così il suo mandato quadriennale iniziato nel 2014 e suggella il triennio tematico sugli elementi con importanti riconoscimenti internazionali per il festival che ha diretto in questi ultimi 4 anni. «Abbiamo rinforzato in questi anni la presenza nei circuiti europei Efa (European Festival Association) cui Mittelfest afferisce da tre anni, e nell’organismo Effe (Europe for Festival, Festival for Europe) che recentemente aveva dato a Mittelfest la certificazione di qualità da parte della sua giuria internazionale, e a questo riconoscimento si aggiunge in queste ore una nuova, importante onorificenza con migliori 26 festival europei, tra i 715 festival che avevano ricevuto l’etichetta di qualità, con la motivazione del “lavoro esemplare e l’impegno destinato al ruolo dei festival nelle nostre società”». 

L’assessore regionale alla cultura Gianni Torrenti ha espresso grande soddisfazione «per la capacità di aver riportato “Mittelfest” a una maggior coerenza di progetto e di qualità che è stata la base dei riconoscimenti internazionali arrivati in questi anni. Contemporaneamente si è mantenuta l’assoluta centralità di Cividale, e sempre più la manifestazione si integra con le risorse del patrimonio culturale e paesaggistico del sito Unesco».