Vino: Confagricoltura Emilia Romagna stima produzione 2017 in calo 20%-30% bianchi e 10-15% rossi

0
621
Alto Adige La vendemmia stacco grappolo EOS Florian Andergassen
Vendemmia anticipata al 7 agosto. Risultato determinato dall’andamento climatico caldo e siccitoso

Alto Adige La vendemmia stacco grappolo EOS Florian AndergassenPer la vendemmia 2017, per Confagricoltura Emilia Romagna «si stima un calo di produzione regionale del 20-30% per i bianchi e del 10-15% per i rossi, accompagnata da una bassa resa in cantina». Alla luce delle alte temperature raggiunte in queste settimane, la categoria chiede «incentivi per la realizzazione di invasi aziendali e non solo consortili».

A giudizio dell’associazione «a soffrire di più della siccità e delle alte temperature, con scarsa o quasi nulla escursione termica, è soprattutto la viticoltura di collina laddove c’è il serio rischio che scompaiano le vigne nel giro di pochi anni: non è possibile effettuare irrigazione di soccorso; mancano bacini e l’accesso a nuove fonti d’acqua». Per il presidente di Confagricoltura Emilia-Romagna, Gianni Tosi, «chiediamo alle istituzioni incentivi per la realizzazione di invasi aziendali e non solo consortili, in attesa che venga definito un piano irriguo di medio-lungo termine». 

In Emilia-Romagna, la vendemmia inizierà intorno al 7 di agosto con le uve bianche per le basi di spumante, seguono l’Ortrugo, la Malvasia e il Pignoletto, quindi l’Albana e il Trebbiano in Romagna mentre a fine mese si procederà con i vini rossi. 

«Preoccupano le prime stime dei produttori che – osserva Tosi – prevedono un calo di produzione anche del 20-30% per i bianchi e del 10-15% per i rossi, accompagnata da una bassa resa in cantina, nonostante ci si aspetti comunque un elevato standard qualitativo delle uve». Secondo la Confagricoltura regionale il vino rappresenta l’8,3% della produzione lorda vendibile agricola dell’Emilia-Romagna, oltre 315 milioni di euro nel 2016. La produzione di uve ha registrato 9.275.726 kg, in crescita rispetto all’anno precedente, su una superficie raccolta di circa 48.700 ettari. L’Emilia-Romagna vanta 18 vini Doc, 9 Igt e 2 Docg.