Slovenia, il partito SDS chiede la recinzione del confine per bloccare afflusso di clandestini

0
309
controlli di confine filo spinato
Gomis: «dopo attentati, la priorità è mettere in sicurezza cittadini»

controlli di confine filo spinatoAlla luce dei recenti attentati terroristici di Barcellona e dell’attacco nei giorni successivi in Finlandia, secondo Branko Gomis, vicepresidente del partito di opposizione SDS, «è necessario intervenire in maniera decisa e tempestiva per proteggere i cittadini. Dobbiamo chiudere le frontiere con una recinzione» lungo tutto il confine, per mettere in sicurezza la Slovenia ed evitare l’ingresso di clandestini.

Per Gomis, esponente del partito guidato dall’ex primo ministro conservatore Janez Janka, ha invitato i politici ad agire con ogni mezzo democratico per «sconfiggere l’Islam radicale, altrimenti non avremo più pace né sicurezza». Gomis ha inoltre aggiunto che alcuni degli attentatori che nel 2017 hanno agito in Europa sono arrivati con il flusso migratorio degli anni scorsi che ha attraversato anche la Slovenia.