Auditorium Manzoni di Bologna, presentata la stagione sinfonica 2017-’18

0
1574
teatro comunale di bologna Auditorium Teatro manzoni bologna
La sala dell'Auditorium Manzoni di Bologna
13 appuntamenti tra la musica classica e il pop sinfonico di Numan e Bregovic. Spazio anche alla classica con la Filarmonica di Bologna 

Auditorium Teatro manzoni bolognaSarà la musica, nelle sue molteplici declinazioni, dalla classica al pop e alla danza, la protagonista della nuova stagione dell’Auditorium Manzoni di Bologna presentata dal direttore Giorgio Zagnoni. Tredici appuntamenti, dal 15 novembre all’11 giugno, otto dei quali affidati all’Orchestra Filarmonica di Bologna, con l’apertura di Michael Nyman che sonorizzerà dal vivo la prima italiana del suo film “Man with a Movie Camera”. 

«Un cartellone costruito negli ultimi venticinque giorni – ha spiegato Zagnoni – che stiamo cercando di arricchire con altri due concerti pop. Dopo le polemiche estive sulla Filarmonica del Teatro Comunale di Bologna, che ci hanno costretto a cambiare il nome all’Orchestra, voglio ribadire, ancora una volta, che non è mai stata nostra intenzione fare concorrenza al Teatro Comunale, ma solo arricchire l’offerta culturale della città, forti dell’apprezzamento del pubblico e di oltre 800 abbonati». 

L’orchestra si presenterà, dunque, col nuovo nome di Filarmonica di Bologna ma sempre con programmi di grande richiamo diretti spesso da giovani bacchette e con una serie di solisti di livello internazionale. E’ il caso Rory Macdonald e del pianista Alexander Kobrin impegnati nel Concerto n. 23 di Mozart e nella Sinfonia n. 5 di Mahler (29 gennaio). Il 19 febbraio toccherà, invece, a Antonio Mendez e a Dmitry Masleev proporre il Concerto per pianoforte e orchestra N. 2 Rachmaninov e la Sinfonia n. 4 Brahms. Per Gábor Takács-Nagy si tratterà invece di un ritorno, il 12 marzo, affiancato dalla pianista Valentina Lisitsa per il terzo Concerto di Prokofiev seguito dalla Sinfonia n. 4 Cajkovskij. Il 16 aprile la Filarmonica sarà poi diretta da Gustavo Gimeno nella Sinfonia n. 2 di Brahms preceduta dal Concerto in re minore di Sibelius suonato da Sarah Chang, mentre il 14 maggio sarà lo stesso Zagnoni ad esibirsi con i Solisti dell’Orchestra Filarmonica in un concerto sulle Musiche alle Corti del XVIII secolo. 

Il 28 maggio sul podio salirà il direttore Andris Poga per la celeberrima sinfonia “Patetica” di Cajkovskij e per il Secondo Concerto per pianoforte di Chopin eseguito da Jan Lisiecki. Il direttore artistico dell’orchestra, Hirofumi Yoshida, ha tenuto per se l’ormai consueto concerto di Capodanno e quello conclusivo dell’11 giugno dedicato al 150esimo anniversario della morte di Gioachino Rossini. Yoshida ha anche annunciato la prossima tounée estiva in Giappone con l’opera di Puccini “Tosca” e un’altra in Arabia Saudita. 

Il cartellone dell’Auditorium Manzoni si completa con i concerti dell’ex leader degli Spandau Ballet, Tony Adley (6 dicembre), Goran Bregovic (7 febbraio). I Cosacchi del Don (21 dicembre) e con il concerto del 12 dicembre che segna il ritorno a Bologna dei Solisti Veneti diretti da Claudio Scimone con la partecipazione del violinista Ilya Gringolts impegnato nel primo Concerto di Paganini.