Eusalp, passaggio della presidenza 2018 dalla Baviera al Tirolo

0
391
eusalp igls
La comunità alpina composta da 48 regioni e 70 milioni di abitanti cambia timoniere. Kompatscher: «opportunità di crescita anche per l’Euregio Tirolese».

eusalp iglsProsegue il cammino di Eusalp, la macroregione alpina riconosciuta dall’Unione europea che comprende 48 regioni di Italia, Francia, Germania, Svizzera, Liechtenstein, Austria, Slovenia, fra cui la Provincia di Bolzano, per una popolazione di circa 70 milioni di abitanti.

A Igls c’è stato il passaggio della presidenza dalla Baviera al Land Tirolo, alla presenza di numerose autorità fra cui il cancelliere austriaco Sebastian Kurz, il presidente della Repubblica d’Austria Alexander Van der Bellen, il rappresentante della Commissione Europea Karl-Heinz Lambertz, (presidente del Comitato delle Regioni), il ministro bavarese per gli Affari europei e i rapporti regionali, Beate Merk, il Landeshauptmann del Tirolo, Günther Platter, oltre ai due presidenti delle province di Trento (Ugo Rossi) e di Bolzano (Arno Kompatscher).

«Si tratta di un’iniziativa politica che rafforza le Regioni all’interno della UE – ha sottolineato il neo-presidente tirolese Günther Platter -. Sono convinto che sotto la presidenza tirolese saremmo in grado di avviare forme di cooperazione per giungere a soluzioni sostenibili per tutto l’arco alpino». 

In qualità di presidente dell’Euregio Tirolo-Alto Adige-Trentino, Kompatscher vede in questo anno di presidenza di Eusalp affidata ad Innsbruck «la possibilità di fare sentire in maniera ancora più forte la nostra voce a Bruxelles. Non solo l’Alto Adige – spiega – ma tutto il GECT Euregio è già oggi coinvolto in maniera attiva in molti dei gruppi di lavoro di Eusalp, in maniera particolare per quanto riguarda temi centrali quali la mobilità, l’energia e la gestione dei rischi naturali». 

Tra i temi centrali dell’attività di Eusalp, Kompatscher individua «traffico e mobilità, con la possibilità di elaborare progetti per incentivare il passaggio dei transiti, in maniera particolare di quelli legati ai mezzi pesanti, da gomma a rotaia».