Confindustria Friuli Venezia Giulia: «serve un Paese che funzioni e che migliori la sua competitività»

0
742
ANNA MARESCHI DANIELI presidnete confindustria udine 2018
Secondo il “Global Attractivenes Index”, l’Italia è al 43° posto a pari merito con il Costarica

ANNA MARESCHI DANIELI presidnete confindustria udine 2018«Abbiamo bisogno di un sistema Paese che funzioni, dell’adeguamento della pubblica amministrazione, di certezza del diritto, di una pressione fiscale in linea con i nostri competitor europei, di formazione adeguata alle richieste del mercato, ma anche di incentivare la natalità e lavorare sull’immigrazione qualificata». Lo ha detto la presidente di Confindustria Udine, Anna Mareschi Danieli, a una tavola rotonda a Udine alla quale hanno partecipato anche Filippo Fontanelli, innovation manager di Maddalena spa e Mauro Savio, amministratore unico di Modulblok spa. 

Prima del dibattito è stato illustrato il “Global Attractiveness Index”, progettato da The European House-Ambrosetti, “termometro dell’attrattività del Paese”. I lavori del convegno, organizzato dal Gruppo giovani imprenditori di Udine, sono stati introdotti da Davide Boergi, presidente del Ggi, e Leonardo Salcerini, managing director di Toyota Material Handling Italia.

 «Si tratta di temi – ha commentato Mareschi Danieli – che noi trattiamo ogni giorno nella realtà del Friuli Venezia Giulia con le nostre imprese, e il problema è quello del sistema Paese Italia, di come viene percepito all’estero e di come viene considerato dagli stessi italiani. Siamo allineati anche con il “Global Attractivness Index”, dove si dice che l’Italia occupa un posto ancora molto lontano da qualcosa di buono. Basti pensare al “Global Competitiveness Index” di cui si è parlato a Davos, nel quale l’Italia si è posizionata al 43° posto allo stesso livello del Costarica. Dunque – ha concluso – abbiamo davvero bisogno di un sistema Paese che funzioni».