Interreg-netting: 70 ricercatori di Alto Adige e Carinzia a confronto

Obiettivo dell’iniziativa costruire progetti comuni per il III avviso programmato per l’autunno.

0
495
interreg

Dare vita a cooperazioni trasfrontaliere nell’ambito del programma di cooperazione transfrontaliero Interreg Italia-Austria in vista della pubblicazione del terzo avviso per la presentazione di idee programmata per il prossimo autunno. Questo l’obiettivo dell’incontro per creare squadra “Interreg-netting” organizzato dalle unità di coordinamento regionali di Bolzano e della Carinzia.

Protagonisti dell’incontro organizzato al NOI Techpark di Bolzano sono stati circa 70 rappresentanti di importanti istituti di ricerca, università e centri tecnologici delle due regioni. Il confronto fra gli esperti si è concentrato sui temi dell’ICT Automatizzazione & Digitalizzazione, Legno, Incubator & Startup, Tecnologie alimentari, Domotica e tecnologie ambientali. L’introduzione dell’incontro è stata curata dalla direttrice della Ripartizione Europa della provincia di Bolzano, Martha Gärber, e da Erhard Juritsch della presidenza Kärntner Wirtschaftsförderungsfonds.

Nel corso della riunione sono stati presentate le politiche e gli sviluppi dell’innovazione in Alto Adige e in Carinzia, con una fase conclusiva dedicata agli incontri fra i partecipanti, nell’ambito del quale si è svolto lo scambio delle idee per possibili collaborazioni e progetti di ricerca comuni. Fra le misure speciali per le startup c’è ad esempio quello a sostegno della capitalizzazione d’impresa, ha riferito a margine dell’appuntamento Franz Schöpf, direttore dell’Ufficio innovazione e tecnologia della Provincia, che ha anche annunciato le nuove misure di sostegno – come sovvenzioni per la creazione di nuove aziende o il sostegno dei talenti – che sono in fase di preparazione.

Per l’incremento dell’efficienza sono stati anche attivati servizi di consulenza in tema di management dell’innovazione, di trasferimento del know-how e dell’introduzione sul mercato di nuovi prodotti e di studi di mercato preliminari al lancio. Vengono inoltre sostenuti i progetti di fundraising e crowdfunding finalizzati all’innovazione di processo e di prodotto. Destinatarie degli aiuti provinciali sono aziende attive in tutti i settori economici con sedi produttive in Alto Adige e i progetti di cooperazione fra aziende.