Rifiuti, polemica tra Veneto e Campania: botta e risposta tra De Luca e Bottacin

Bottacin: «Veneto virtuoso come certifica l’Ispra. Se De Luca vuole, sono disponibile ad insegnargli sa subito come si fa un buon servizio pubblico». 

0
426
rifiuti polemica tra veneto e campania

Probabilmente, il presidente della regione Campania, Vincenzo De Luca, non teme il ridicolo, anzi: più Crozza lo sfotte, più in cuor suo probabilmente gode. Non pago del cono d’ombra in cui era caduto nelle ultime settimane, De Luca per riguadagnare la ribalta ne ha sparata una delle sue: «la Campania è più virtuosa del Veneto in fatto di raccolta differenziata dei rifiuti urbani». Boom!

All’assessore all’ambiente della regione Veneto, Giampaolo Bottacin, la sparata partenopea non è passata inosservata, reagendo come un gatto a dietra forzata dinanzi al passaggio di un topo. «A volte la parodia supera la realtà e leggendo certe dichiarazioni veramente vien da chiedersi se a parlare sia il De Luca–De Luca o il De Luca–Crozza – ironizza Bottacin -. In Veneto la raccolta differenziata dei rifiuti è al 72,9%, in Campania al 51,6% con Napoli al 31,3%. Costi della raccolta differenziata: al Nord 179 euro/abitante, al Sud 229 euro/abitante, ovvero oltre il 27% in più. A Treviso la differenziata sfiora l’88% e una provincia montana come Belluno, pur con tutte le difficoltà di un territorio vasto e in quota, raggiunge comunque l’80,4%».

I dati citati da Bottacin non sono sparati a vanvera, ma sono tratti da un documento ufficiale dell’Ispra in tema di rifiuti a livello nazionale. «Nella sua amata Salerno, dove ha avuto inizio la sfolgorante carriera di De Luca, mi pare che siamo lontani da questi dati – incalza Bottacin -. Il capoluogo salernitano rappresenta certamente il dato migliore della regione campana, con un dignitoso 61,3%, ma mi sembra un risultato comunque scarso rispetto alle medie in generale del Nord e soprattutto del Veneto. Dunque, chi sarebbero i virtuosi? – si domanda retoricamente Bottacin -. Se il presidente De Luca–De Luca, dopo un’attenta analisi dei dati reali, lo ritenesse utile, mi metto fin da ora a disposizione per andare in Campania a spiegare come funziona il modello Veneto».