Alto Adige via libera della Giunta provinciale al bilancio di previsione triennale

Previsti 5,8 miliardi per il 2019, 5,6 miliardi per il 2020 e per il 2021. 

0
344
alto adige

La Giunta provinciale dell’Alto Adige ha approvato il disegno di legge relativo al bilancio di previsione per il triennio 2019-2021 che verrà votato in autunno dal Consiglio provinciale prima dello scioglimento.

Il volume di risorse disponibili si attestano a 5,8 miliardi di euro per il 2019 e a 5,6 miliardi di euro rispettivamente per il 2020 ed il 2021. Rispetto agli anni precedenti l’approvazione è anticipata, viste le imminenti elezioni provinciali: qualora, infatti, fossero state seguite le tempistiche usuali, con il finire della legislatura, sarebbe stato inevitabile iniziare il 2019 in regime di “esercizio provvisorio”. Tale modalità gestionale, che consente l’utilizzo delle risorse disponibili, per i primi quattro mesi dell’esercizio unicamente in dodicesimi, avrebbe comportato diversi disagi per tutte le strutture dell’amministrazione dell’Alto Adige.

Il documento approvato non contiene nuove manovre di bilancio, ma tiene conto della precedente approvazione del triennio 2018-2020 e delle sole variazioni già decise dal Consiglio fino ad ora. Questo bilancio, definito in gergo come “bilancio tecnico”, non prevede una nuova attribuzione di risorse, ma rimanda la riallocazione delle stesse ad una organica legge di variazione da approvarsi con il nuovo Consiglio provinciale ad inizio 2019.

L’approvazione del bilancio di previsione è stata l’occasione per il presidente della Provincia, Arno Kompatscher, di analizzare l’andamento economico e finanziario fra il 2013 e il 2017 in riferimento ai 3 settori chiave della sanità, dell’istruzione e del sociale. «Per il periodo considerato va precisato che una comparazione pura dei dati risulta complessa: nel frattempo sono infatti intervenute modifiche determinate da un lato dall’approvazione del Patto di garanzia nel 2014, dall’altro dalla riforma sull’armonizzazione dei bilanci fra il 2015 e il 2016» ha precisato Kompatscher. Nel corso degli ultimi 5 anni si rileva comunque «un incremento delle risorse destinate a questi settori per rendere i servizi sempre più funzionali per i cittadini» ha sottolineato Kompatscher..

Un ulteriore tema trattato dal presidente della Provincia è stato quello degli investimenti, che hanno fatto registrare un incremento della spesa in conto capitale fra il 2016 e il 2017. In particolare il dato relativo alla previsione parla di 1,071 miliardi nel 2016 contro 1,380 miliardi del previsionale 2017. «Tale dinamica rispecchia una precisa volontà politica, che punta a investire in modo costante sul lungo periodo per garantire uno sviluppo dell’economia locale» ha concluso Kompatscher.