Aeroporto di Trieste: la Regione Friuli Venezia Giulia prosegue nell’iter della cessione della quota di maggioranza

Pizzimenti: «il 55% quote saranno cedute ad un unico investitore nazionale o internazionale con vincolo per cinque anni al mantenimento della posizione». 

0
757
aeroporto di Trieste

Aeroporto di Trieste: prosegue l’iter per la cessione del 55% delle quote, senza ulteriori opzioni di acquisto, a favore di un unico investitore di profilo nazionale o internazionale, in grado di supportare finanziariamente il piano degli investimenti 2016-’23 della società Aeroporto Friuli Venezia Giulia spa e, parallelamente, migliorare le previsioni dei principali parametri tecnico-economici del piano industriale.

Sono queste le nuove principali linee guida illustrate dall’assessore regionale a infrastrutture e territorio, Graziano Pizzimenti, e approvate dalla Giunta Fedriga con l’obiettivo di avviare quanto prima una nuova procedura di cessione delle quote nella società aeroporto di Trieste.

Tra gli ulteriori parametri evidenziati da Pizzimenti e che il nuovo socio di maggioranza è chiamato a rispettare, l’incremento dei livelli occupazionali in presenza di aumento del “Wlu” (World load unit), ovvero dell’unità di carico corrispondente a 1 passeggero o 100 kg di merce, ma anche l’impossibilità di esternalizzare servizi e di vendere le proprie quote per almeno cinque anni dalla stipula della cessione delle quote.