Alto Adige dalla primavera 2019 migliorerà la ricezione dei dati mobili in tunnel

Necessità di potenziale le radiocomunicazioni anche per la gestione delle emergenze. Bandi per partecipare alla gara aperti sino al 29 agosto. 

0
795
ricezione dei dati mobili in tunnel

In 15 gallerie fra i più trafficati dell’Alto Adige sarà migliorata la ricezione dei dati mobili in tunnel. Tutto ciò grazie ad un bando da 2,6 milioni di euro lanciato dalla Provincia di Bolzano e per il quale sarà possibile presentare offerte sino al 29 agosto.

I primi lavori, per un totale di 14 km di gallerie, dovrebbero partire in novembre per concludersi nella primavera del 2019. I tunnel interessati dai lavori sono concentrati nella zona di Bolzano (Virgolo, Val d’Ega, Campodazzo, Fiè), Merano, Bassa Atesina (Ora e Laives) e Alta Val d’Isarco (Vipiteno, Colle Isarco, Mezzaselva).

«Grazie ad una migliore copertura del segnale mobile all’interno delle gallerie – sottolinea il presidente della provincia, Arno Kompatscher – vogliamo garantire a tutti la massima sicurezza, dando la possibilità di utilizzare il proprio cellulare in caso di pericolo. Se si verificano incidenti o altre situazioni di emergenza, è fondamentale allertare i soccorritori nel più breve tempo possibile, e questa opportunità sarà offerta anche all’interno dei tunnel chiamando con il proprio telefono il numero unico di emergenza 112».

Gli studi svolti nel settore confermano che in situazioni di stress e di pericolo, le persone preferiscono affidarsi al proprio apparecchio telefonico anziché utilizzare le colonnine di soccorso presenti lungo la carreggiata. Tutto ciò senza considerare che da un lato le auto più moderne sono dotate di sistemi automatici di allarme che contattano i numeri di emergenza, e che dall’altro l’utilizzo dei sistema di navigazione richiede sempre una copertura tramite dati mobile.

«Con questi interventi – aggiunge l’assessore al servizio strade, Florian Mussner – garantiamo una maggiore sicurezza a chi percorre i numerosi tunnel presenti in Alto Adige». A tal proposito, il servizio strade ha elaborato una lista di priorità delle gallerie all’interno delle quali non è ancora presente una copertura con rete mobile. «La lista è suddivisa in categorie a seconda della lunghezza e della mole di traffico – sottolinea il direttore del servizio strade, Philipp Sicher – e con questo bando ci occupiamo dei tunnel più importanti ancora sprovvisti di copertura».