Per contrastare la diffusione della West Nile, la regione Veneto rafforza la disinfestazione

Coletto: «azione straordinaria a tappeto con adulticida e larvicida per una spesa di circa mezzo milione di euro». 

0
554
west nile

La diffusione dei contagi da West Nile, la febbre del Nilo, che ha già colpito duramente Veneto ed Emilia Romagna preoccupa gli amministori pubblici, tanto da indurre l’assessore alla salute del Veneto, Luca Coletto, a deliberare un’azione straordinaria di disinfestazione a tappeto del territorio.

«Alla luce dell’andamento dei contagi umani del virus West Nile trasmesso dalla zanzara Culex Pipiens, e delle richieste di aiuto giunte dai comuni, che sulla base delle norme nazionali sono responsabili degli interventi, la Regione del Veneto ha deciso di passare alle maniere forti. E’ in corso di predisposizione un vero e proprio piano straordinario di disinfestazione a tappeto che potrebbe prendere il via già nei primi giorni di settembre. I monitoraggi effettuati in queste settimane e le indicazioni degli esperti – dice Coletto – vanno in un’unica direzione: intervenire radicalmente, ed è quello che faremo. La disinfestazione sarà sia adulticida che larvicida, in modo da produrre effetti immediati sulle zanzare adulte, ma anche sul quadro futuro, stante che la causa prima del fenomeno, una stagione con clima di tipo tropicale molto caldo e umido, potrebbe ripetersi».

Il costo dell’operazione è stimato dalla Regione in circa 500.000 euro che saranno interamente coperti dall’amministrazione regionale. «Procediamo con tempi stretti affidando l’attuazione iniziale all’emanazione di decreti dirigenziali, ai quali seguirà la formale delibera di Giunta. Con un secondo atto – annuncia Coletto andando oltre il contingente – porremo in capo alla Regione il coordinamento di tutti gli interventi. Sulla base delle norme nazionali e dello specifico Piano nazionale essi sono di competenza dei comuni, che però la Regione non lascia soli. Programmeremo e coordineremo – spiega Coletto –, ma metteremo in campo anche l’esperienza dell’Azienda Zero per realizzare risparmi attraverso la gestione degli acquisti di tutto il necessario in forma centralizzata, e predisporre un contratto-base con tutte le previsioni, non solo di spesa, ma anche con l’indicazione puntuale delle tempistiche d’intervento».