Trentino, al via i bandi per la formazione nel settore agricolo

Disponibili 960.000 euro finanziati dalla Provincia, dallo Stato e dal Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale (FEASR). 

0
651
formazione nel settore agricolo

Corsi, seminari, convegni e attività per l’acquisizione di abilità pratiche, accanto ad azioni d’informazione che includono anche il coinvolgimento dei media: con il provvedimento approvato della Giunta provinciale di Trentosono stati approvati 6 bandi che finanziano l’erogazione di servizi di formazione nel settore agricolo da parte di organismi accreditati presso la Provincia, destinati a migliorare le competenze di imprenditori agricoli e forestali, loro dipendenti e coadiuvanti familiari, gestori del territorio e piccole e medie imprese operanti nel settore agroalimentare con sede in Trentino. Le risorse disponibili ammontano a 960.000 euro, messe a disposizione dalla Provincia, dallo Stato e dal Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale (FEASR).

Aumentare la quota di mercato, diversificare le attività, valorizzare gli ecosistemi, ammodernare l’azienda, creare una nuova impresa: sono solo alcuni degli obiettivi che si prefigge la Misura 1 del Programma di Sviluppo Rurale 2014-2020 della Provincia di Trento, sulla quale sono stati elaborati i bandi approvati dalla Giunta. La misura comprende due grandi operazioni: la formazione e acquisizione di competenze e le azioni dimostrative e informative verso chi opera nel settore agricolo, forestale e agroalimentare, con particolare riguardo ai giovani e alle donne.

Il trasferimento di conoscenze tramite la formazione nel settore agricolo contribuisce alla crescita economica di questi settori, favorendone la competitività e rafforzando i legami tra attività agricole, territorio e ambiente attraverso l’uso sostenibile delle risorse, l’approfondimento degli aspetti tecnici e la diffusione di pratiche innovative. Importante anche l’aspetto della comunicazione, che ha il fine di diffondere informazioni sull’imprenditoria in agricoltura, i legami con il turismo, la sensibilizzazione su ambiente ed ecologia del territorio e il mantenimento del paesaggio tradizionale.

In questo quadro generale sono stati articolati i 6 bandi, che stabiliscono nel dettaglio gli interventi e le spese ammissibili, i criteri di selezione dei soggetti beneficiari ammessi al finanziamento, le azioni formative e le loro tematiche, la durata dei corsi, i requisiti dei docenti, la verifica e la certificazione dei percorsi di apprendimento.

Gli enti di formazione in possesso dei requisiti dovranno elaborare un progetto formativo secondo il modello predisposto nel sistema srtrento.it, il portale della Provincia “Sviluppo Rurale Trento” e avranno 90 e 120 giorni di tempo (a seconda dei diversi bandi) per presentare le domande, a partire dalla pubblicazione della deliberazione. I bandi saranno disponibili anche nel portale www.psr.provincia.tn.it .