Costituita la Libera camera delle categorie economiche e delle professioni del Friuli Occidentale

Firmato l’atto di fondazione del nuovo soggetto economico di rappresentanza del Pordenonese. 

0
382
Libera camera delle categorie economiche

Nasce a Pordenone la Libera Camera delle Categorie economiche, delle Professioni, delle Rappresentanze sociali e dei Cittadinidel Friuli Occidentale, all’insegna del «fare rete», intensificando la collaborazione intercategoriale e interprofessionale orientandola a comuni obiettivi di solidarietà ma, anche, «formazione, sviluppo e difesa comune della sopravvivenza dei motori fondamentali del benessere economico e sociale del territorio»: questi alcuni dei principi che animano la nuova realtà di rappresentanza economica costituitasi dinnanzi al notaio a palazzo Klefisch, sede di rappresentanza di Unindustria Pordenone.

Obiettivi importanti, quelli tratteggiati prima della lettura dello statuto – sottoscritto, tra gli altri, dal sindaco di Pordenone, Alessandro Ciriani dai colleghi dei quattro mandamenti e dai parlamentari Luca Ciriani, Lodovico Sonego e Franco Dal Mas – tra cui il «disegno delle traiettorie e i contenuti di un nuovo modello di sviluppo territoriale e scambio di esperienze e competenze» al servizio di imprese, cittadini e pubblica amministrazione.

Michelangelo Agrusti, presidente di Unindustria Pordenone, in premessa, ha ribadito l’importanza dei sindaci perché «in questo crepuscolo della democrazia, ha detto, essi rappresentano un presidio fondamentale, sono eletti ed hanno un confronto continuo con i cittadini». Proprio alla tutela dei cittadini, oltreché ovviamente delle imprese, Agrusti ha rivolto un passaggio importante del proprio intervento prima della sottoscrizione dello statuto della Libera Camera delle categorie economiche, il cui coordinamento è affidato a Giovanni Pavan, già presidente della Camera di commercio di Pordenone che si è fusa con quella di Udine: «affinché un comune venga rappresentato, al di là dell’adesione dei propri rappresentanti istituzionali, è sufficiente che un cittadino di quel Comune si iscriva ed avrà pieno titolo. Questa nostra è un’esperienza inclusiva».

Il forum della Libera Camera delle categorie economiche, ha spiegato ancora Agrusti, ha in agenda le priorità di questo territorio «la viabilità disastrata, la questione dei precari del CRO di Aviano – nei confronti dei quali è necessaria una soluzione perché sono il cuore della ricerca di quell’Istituto – l’acceleratore protonico, la riorganizzazione della sanità regionale, l’ospedale di Pordenone e, non da ultimo l’ambiente, solo per citarne alcuni».

La decisione di costituire la Libera Camera delle categorie economiche trova ragione anche nella necessità di non perdere unità di visione ed intenti da parte delle diverse anime della sua società, un rischio concreto dopo la progressiva eliminazione di importanti strutture democratiche rappresentative della volontà popolare e della rappresentanza degli interessi economici. Gli elementi imprescindibili per mantenere un territorio coeso al proprio interno, aperto al mondo e proiettato ad un futuro di sviluppo e benessere – oltre per evitare il declino – sono la presenza di grandi imprese, di un’università di qualità, di centri di ricerca ed innovazione, di strutture sanitarie d’eccellenza, di infrastrutture moderne e di centri culturali. La coesione, è stato detto ancora, fu determinante ai tempi della fondazione della Provincia, quando imprese, professioni e cittadini di unirono per vedere riconosciuto anche istituzionalmente un territorio legato da profonde radici storiche, economiche e culturali.

© Riproduzione Riservata