Agroalimentare italiano: prevista la crescita del 6,5% annuo dell’export negli Usa nei prossimi 5 anni

E’ quanto emerge dal Nomisma Italian Agrifood Mkt Potential Index. Dopo gli USA, le maggiori crescite previste sono con Germania e Cina. 

0
1004
simest agroalimentare italiano

«Secondo le stime Nomisma, le importazioni statunitensi di prodotti dell’agroalimentare italiano sono destinati a crescere ad un tasso medio annuo (CAGR) del 6,5% nel periodo 2017-2022» afferma Denis Pantini, responsabile Area agroalimentare di Nomisma in occasione dell’evento promosso da Agronetwork durante il quale è stato presentato un apposito indicatore, il Nomisma Italian Agrifood Mkt Potential Index (realizzato in collaborazione con Confagricoltura).

Prosegue anche nel 2017 la crescita del ruolo giocato dai mercati esteri per l’agroalimentare italiano: i consumi nazionali per generi alimentari e bevande (243 miliardi euro nel 2017), seppur in ripresa, sono, difatti, ancora lontani dai tempi pre-crisi, per cui esportare– oltre che un’opportunità di crescita per le aziende agroalimentari italiane – rappresenta anche una strategia di sopravvivenza. Non a caso, negli ultimi anni il fatturato del settore è stato trainato dalla domanda estera: nel 2017 il 24% del giro d’affari dell’industria alimentare nazionale è stato generato proprio al di fuori dei confini italiani a fronte di un 20% di cinque anni prima.

In termini assoluti, le vendite sui mercati internazionali dei prodotti agroalimentari “Made in Italy” hanno superato i 40 miliardi euro nel 2017, registrando un balzo del +27% su base quinquennale e del +5,6% rispetto al 2016. E, sebbene ci sia un lieve rallentamento, l’espansione dell’export continua anche nel 2018: +2,3% nel I semestre rispetto al medesimo periodo del 2017. A trainare tale incremento sono sia i mercati tradizionali, i cosiddetti “Paesi bandiera”, come Germania (export italiano pari a 6,9 miliardi di euro nel 2017, +16,5% tra 2012 e 2017), Stati Uniti (4,0 miliardi di euro, +48,9%), Regno Unito (3,3 miliardi di euro, +27,8%), Canada (809 milioni di euro, +24,3%), Giappone (794 milioni di euro, +13,1%), che da soli valgono il 40% del’export agroalimentare nazionale, sia i mercati emergenti (Paesi frontiera), su tutti Polonia (833 milioni di euro nel 2017, +58,1% su 2012), Australia (530 milioni di euro, +41,7%), Cina (423 milioni di euro, +78,5%), Corea del Sud (221 milioni di euro, +68,8%) e Messico (103 milioni di euro, +23,8%).

Ma cosa aspetta nel prossimo futuro il sistema agroalimentare italiano? Le potenzialità del settore per il prossimo quinquennio su 10 mercati target (5 bandiera e 5 frontiera) si presentano alquanto interessanti; il Nomisma Italian Agrifood Mkt Potential Index prende in considerazione variabili di diversa natura tra cui i redditi pro-capite, i consumi alimentari, l’import agroalimentare, il ruolo dei prodotti italiani e la presenza di dazi e altre barriere agli scambi commerciali. Emerge come gli Stati Uniti rappresentano il mercato con le maggiori opportunità di sviluppo futuro per l’agroalimentare italiano con un valore dell’indice pari a 100.

«Pur essendo un mercato tradizionale per il nostro export (peso del 10%) e nel quale le nostre aziende sono presenti da anni, le opportunità di un ulteriore sviluppo dell’agroalimentare tricolore in tale mercato sono enormi grazie all’elevata capacità di spesa di parte della popolazione, all’enorme dimensione del mercato in termini di potenziali consumatori e ad un import di prodotti italiani che per ora risulta concentrato (oltre la metà) in soli cinque stati (California, New York, Texas, Illinois e Florida)», afferma Pantini.

Gli altri mercati con le maggiori potenzialità per l’agroalimentare nazionale sono la Germania (Nomisma Italian Agrifood Mkt Potential Index pari a 97) e la Cina (94): si stima che in tali mercati la domanda di prodotti agroalimentari italiani crescerà ad un CAGR 2017-2022, rispettivamente, del +4% e del +12%. Seguono Canada (73), Giappone (72) e poi distanziati Polonia (52), Regno Unito (42), Corea del Sud (38), Australia (29) e Polonia (15).

Per rimanere sempre aggiornato con le ultime notizie de “Il NordEst Quotidiano”, iscriviti al canale Telegram

https://t.me/ilnordest

© Riproduzione Riservata