Danni da maltempo oltre mezzo milione di euro dalla Cciaa Pn-Ud a sostegno delle Pmi del territorio

Stanziata la prima tranche di finanziamenti per le aziende di Pordenone e Udine. Un altro milione disponibile a gennaio. Allo studio un bando specifico per il comparto agricolo. 

0
350
Danni da maltempo

Oltre mezzo milione di euro (per la precisione 536.000 euro) sotto forma di bando, è stato messo a disposizione dalla Giunta della Camera di commercio di Pordenone e Udine per sostenere le Pmi con sede nel territorio che hanno subito danni da maltempo di fine ottobre. A questo primo stanziamento, erogato per favorire condizioni di continuità e ripresa delle attività economiche danneggiate, ne farà seguito un secondo di 1 milione a inizio 2019. Beneficiarie sono le micro, piccole e medie imprese con sedenei comuni del Pordenonese e dell’Udinese individuati dalla Regione e dalla Protezione Civile.

La domanda di accesso riguarda le spese sostenute per il ripristino strutturale e funzionale dell’immobile ove ha sede l’attivitàd’impresa, dei macchinari e delle attrezzature d’impresa danneggiati e, infine, dell’acquisto di scorte di materie prime, semilavoratie prodotti finiti rovinati o distrutti. L’importo ammesso non può essere inferiore ai 4.000 euro, mentre il contributo massimo erogabile è pari a 20.000 euro. Le risorse saranno concesse entro 90 giorni dalla presentazione della domanda – previo procedimento valutativo– secondo l’ordine cronologico di presentazione delle domande fino ad esaurimento dei fondi disponibili per ciascun territorio.

La domanda, esclusivamente via PEC, dovrà essere presentata dalle 9 del 01 dicembre 2018 ed entro il 31 gennaio 2019 a contributi.ud@pec.pnud.camcom.it per le imprese con sede destinataria dell’investimento nell’Udinese e a cciaa@pn.legalmail.camcom.it per il Pordenonese.

La Giunta ha anche valutato l’opportunità di un ulteriore stanziamento di 500.000 euro su fondi 2019, sempre sotto forma di bando, a favore delle imprese del settore agricolo, dopo che Marco De Munari, componente l’esecutivo camerale e il comitato direttivo della Coldiretti regionale, aveva proposto l’ulteriore incremento perché il regolamento de minimis inserito nel bando primario non avrebbe tecnicamente consentito alle imprese del comparto di avere accesso ai benefici per la parte di produzione. Il presidente Giovanni Da Pozzo, che ha ringraziato De Munari per aver tempestivamente informato la Giunta, ha proposto pertanto a sua volta, trovando unanime consenso, di attivare le procedure per l’impostazione di un nuovo bando a favore del settore agricolo.

Per rimanere sempre aggiornato con le ultime notizie de “Il NordEst Quotidiano”, iscriviti al canale Telegram

https://t.me/ilnordest

© Riproduzione Riservata