Friuli Venezia Giulia: nominati i commissari di Aziende sanitarie e Burlo

Nominato anche il nuovo direttore generale del Cro di Aviano. Riccardi: «inizia il cammino della riforma della sanità regionale».

0
1122
Sanità Friuli Venezia Giulia
Fedriga e Riccardi (al centro) con i nuovi vertici della sanità regionale.

La Giunta regionale del Friuli Venezia Giulia, su proposta del vicepresidente e assessore alla salute, Riccardo Riccardi, ha provveduto a nominare i commissari straordinari delle Aziende sanitarie, definite dalla legge che ha riformato l’assetto istituzionale del sistema salute in Friuli Venezia Giulia, il commissario del Istituto materno infantile Burlo Garofolo di Trieste e il direttore generaledel Centro di riferimento oncologico di Aviano.

I nuovi dirigenti hanno firmato il contratto di lavoro dinnanzi al governatore del Friuli Venezia Giulia, Massimiliano Fedriga, il quale ha augurato loro un «in bocca al lupo», parlando della sanità come la principale sfida dell’amministrazione, con circa 3 miliardi di spesa annua su un bilancio complessivo della Regione di circa 5,5 miliardi.

«Le riforme – ha dichiarato Riccardi – si scrivono sulla carta, ma hanno bisogno degli uomini per essere concrete. Il nostro impegno è sempre stato quello di garantire la stabilità del sistema. Con queste nomine confermiamo delle professionalità che già conoscono la nostra sanità e portiamo una nuova risorsa con una particolare specializzazione nel campo dell’emergenza urgenza ma anche dell’organizzazione generale».

Alla cosiddetta “Azienda holding”, ovvero alla nuova Azienda regionale di coordinamento per la salute (Arcs), con sede a Udine, che dovrà garantire il supporto alla direzione centrale e alle aziende sanitarie nel governo del sistema, coordinare e dare attuazione ai servizi condivisi, rivedere il sistema dell’emergenza urgenza, è stato preposto Francesco Nicola Zavattaro. Il dirigente, di origine abruzzese, proviene dall’Azienda per l’emergenza urgenza della Lombardia e vanta un vasto curriculum: docente per 20 anni alla scuola di direzione aziendale dell’Università Bocconi di Milano; direttore dell’Executive master in management delle aziende sanitarie, ancora alla Bocconi; direttore generale dell’Asl di Lanciano-Vasto-Chieti.

Commissario unico di Asuits e dell’Azienda sanitaria 2, destinate ad una fusione per divenire l’Azienda Giuliano Isontino, è stato indicato Antonio Poggiana, attuale direttore generale dell’Azienda Isontina. Giuseppe Tonutti, ora commissario del Cro, è invece il nuovo commissario unico dell’Asuiud e dell’Azienda 3, che secondo la riforma sanitaria si fonderanno per divenire l’Azienda del Friuli centrale. Saranno i commissari straordinari a elaborare gli atti di organizzazione e di funzionamento delle nuove aziende.

Nominati anche i vertici dei due istituti di ricovero e cura a carattere scientifico. Al Burlo Garofolo di Trieste arriva, come commissario, Stefano Dorbolò, al momento vicedirettore centrale Salute della Regione e, in passato, direttore amministrativo allo stesso istituto triestino. Adriano Marcolongo, direttore generale uscente dell’Asuits, è stato invece chiamato a ricoprire l’incarico di direttore generale del Centro di riferimento oncologico di Aviano.

Commissari e dirigenti entreranno in servizio il primo gennaio 2019. Per i commissari l’incarico avrà durata di anno, eventualmente prorogabile fino a ulteriori sei mesi, mentre il dirigente Marcolongo rimarrà in carica fino alla scadenza del precedente contratto, ovvero 31 dicembre 2020.

Rimangono invariati, invece, fino alla naturale scadenza del mandato (maggio 2019) i vertici dell’Azienda per l’assistenza sanitaria 5 Friuli Occidentale.

Per rimanere sempre aggiornato con le ultime notizie de “Il NordEst Quotidiano”, iscriviti al canale Telegram

https://t.me/ilnordest

© Riproduzione Riservata