Assemblea Fincantieri approva bilancio 2018 e conferma Bono e Massolo al timone dell’azienda

Utile a 277 milioni di euro. Già acquisti ordinativi per 34 miliardi di euro. 

0
339
fincantieri
Da sx l'amministratore delegato, Giuseppe Bono, e il presidente, Giampiero Massolo

L’assemblea dei soci di Fincantieri che si è svolta a Trieste ha approvato il bilancio 2018 che chiude con un utile di 277 milionidi euro. A favore il 99,57% del capitale sociale, nessuno contrario. Chiude così un anno di crescita record, che sommato agli ultimi 4 anni porta ad un rialzo complessivo del 9%.

«Quanto al dividendo, potremmo dare più profitti in futuro, ma una parte andrà riservata al futuro», ha detto l’amministratore delegato Giuseppe Bono, riconfermato al vertice del gruppo assieme al presidente Giampiero Massolo.

«Siamo una società che agisce sul mercato, agiamo come una società privata perché l’azionista ci permette di farlo, fieri di essere una società posseduta da Fintecna e quindi da Cdp» ha puntualizzato Bono rispondendo ai quesiti degli azionisti. «Potremmo dare un dividendo più alto – ha detto Bono rispondendo a un’altra domanda -, ma nel nostro piano sono previsti investimenti per 7/800 milioni, tutti finanziati dall’azienda, quindi buona parte del cash flow è destinato a questo».

Alcuni azionisti di Fincantieri hanno posto domande sul personale: «ci criticano perché impieghiamo molto personale non italiano, ma se potessimo trovare personale italiano…- ha spiegato Bono -. La nostra è una azienda “maschilista”, ma adesso vi lavorano anche molte donne ingegneri, ragazze molto giovani, molto brave. Però dobbiamo metterle in condizioni di lavorare bene sapendo che la donna ha altri compiti oltre a quello di lavorare per l’azienda. Vorremmo essere tra i primi a trovare soluzioni».

«“America First”? No, io dico “Paese first” – ha affermato ancora Bono -. Noi fra dieci anni ci saremo, ma delle varie start up, di varie realtà della finanza, chi ci sarà? Uno dei valori per gli azionisti non è solo il dividendo o il numero, ma la stabilità che può dare l’azienda. Un futuro in cui l’azienda ci sarà e darà profitti». A questo proposito, Bono ha sottolineato come Fincantieri «ha quasi 34 miliardi di euro in carichi di lavoro complessivo pari a quasi 2 punti del Pil. E’ un risultato unico per il comparto e per l’industria intera».

Per rimanere sempre aggiornato con le ultime notizie de “Il NordEst Quotidiano”, iscriviti al canale Telegram

https://t.me/ilnordest

o vai su Twitter

@nestquotidiano

https://twitter.com/nestquotidiano

o,  ancora, su Linkedin

https://www.linkedin.com/company/ilnordestquotidiano

© Riproduzione Riservata