Commercialisti e imprese sociali, il welfare sul territorio

1
340

Focus sul terzo settore martedì 30 aprile alle 14,30 al teatro Toniolo di Mestre (Venezia) con l’assessore regionale Manuela Lanzarin, l’Ordine dei Commercialisti, il Centro Servizi Volontariato e il Centro Universitario Sportivo di Venezia.

La riforma del Terzo Settore ha portato ad un forte riconoscimento del ruolo del terzo settore come soggetto fondamentale per il welfare territoriale, il rafforzamento della possibilità di raccogliere i contributi anche attraverso il 5 per mille, gli incentivi per lanciare l’impresa sociale come attore economico, senza dimenticare lo sviluppo dei centri per il volontariato che potranno sviluppare ulteriormente le attività a livello locale.

Sono alcuni dei temi che saranno affrontati martedì 30 aprile 2019 dalle ore 14,30 alle 17,00 al Teatro Toniolo di Mestre (VE) il convegno “Impresa sociale e società benefit, contaminazione tra profit e no profit” organizzato dall’Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Venezia (ODCEC) in collaborazione con il Centro Servizi Volontariato (CSV) di Venezia.

Dopo i saluti istituzionali dell’avvocato Giorgio Bonet presidente CSV Venezia e del commercialista Massimo Da Re presidente dell’Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Venezia Venezia, seguiranno gli interventi “Contaminazione tra Profit e No Profit nella riforma del Terzo Settore” di Roberto Museo direttore CSVnet; “I nuovi regimi fiscali e contabili alla luce della disciplina prevista dalla riforma” di Enrico Savio dottore commercialista componente del gruppo di lavoro per la Riforma del Terzo settore del Consiglio Nazionale Commercialisti (CNDCEC).

A seguire la tavola rotonda con: Giorgio Bonet presidente CSV Venezia; Massimo Da Re presidente ODCEC Venezia; Manuela Lanzarin assessore alla sanità e servizi sociali Regione Veneto; Matteo Pozzoli ufficio di presidenza CNDCEC e Massimo Zanotto presidente Centro Universitario Sportivo ( CUS) Venezia.

La partecipazione è gratuita. La cittadinanza è invitata.