Provincia di Bolzano dalle società partecipate dividendi per 102 milioni di euro

Il patrimonio detenuto ammonta ad un capitale complessivo di 2,5 miliardi di euro suddivisi in 100 società. Di cui 10 interamente controllate “in house”.

0
385
società partecipate
Le terme di Merano, una delle società partecipate dalla provincia di Bolzano

Dalla A di Alperia alla T di Terme Merano: la Provincia di Bolzano è azionista, talora di maggioranza, di circa 100 società partecipate, di cui 10 sottostanno completamente al suo controllo in quanto societàin house” la cui attività è stata analizzata nella Relazione sullo stato delle società di capitale controllate o partecipate redatto dall’Ufficio Vigilanza finanziaria della Provincia e trasmesso al Consiglio provinciale.

Negli anni passati le società partecipate della Provincia hanno raccolto un utile di oltre 102 milioni di euro. Il valoredella produzione si è attestato a 600 milioni di euro, la propria dotazione patrimoniale a fine 2018 sui 2,8 milioni di euro.

«La Relazione mostra che le società pubbliche dell’Alto Adige si sono sviluppate in modo intenso e rapido rispettoa quelle del resto d’Italia» ha sottolineato il presidente della Provincia, Arno Kompatscher. Le imprese pubbliche locali erogano il 17,6% delle spese nella Provincia di Bolzano, il triplo della media nazionale, pari a 2,03 miliardi di euro. Un settore fondamentale, con quasi il 60% delle spese delle imprese pubbliche locali, seguono i settori sociale (8,4%) e viabilità (7,5%).

«Il Ministero certifica che le società pubbliche in Alto Adige, rispetto al resto d’Italia, sono più efficienti e maggiormente orientate all’economia di mercato – sottolinea il direttore dell’Ufficio Vigilanza finanziaria, Claudio Calè -. Sul fronte delle spese l’esposizione sugli interessi è bassa, segno di un basso indebitamento e una scarsa vulnerabilità alle variazioni dei tassi di interesse. Sul fronte delle entrate, la gran parte dell’utile 88% è vincolata a fini pubblici ben precisi. Si tratta di un segnale che le società partecipate pubbliche non gravano sul bilancio provinciale più del dovuto».

Il direttore Calè rimarca poi l’importanza delle misure per l’incremento di trasparenza, efficienza e razionalizzazionedei costi nelle società pubbliche. Nel 2018 il controllo dei flussi finanziari fra Provincia e società partecipate è stato migliorato, con l’approvazione di nuove linee guida per l’assunzione del personale e di un modello per la relazione della “Corporate Governance” che consente alla Provincia di sottoporre in qualsiasi momento a verifica il management delle sue società.

Per rimanere sempre aggiornati con le ultime notizie de “Il NordEst Quotidiano”, consultate i canali social:

Telegram

https://t.me/ilnordest

Twitter

https://twitter.com/nestquotidiano

Linkedin

https://www.linkedin.com/company/ilnordestquotidiano/

Facebook

https://www.facebook.com/ilnordestquotidian/

© Riproduzione Riservata