Anker PowerWave, il caricatore senza fili per auto per cellulari anche extralarge

Flessibile e pratico, necessita di un caricatore ad alta potenza per lavorare al meglio. 

0
243
Anker PowerWave

I telefoni cellulari di ultima generazione sono tendenzialmente sempre più grandi ed affamati di energia per alimentare l’ampio schermo e per svolgere numerose funzioni, come quella di navigazione stradale quando si è in viaggio, e dispositivi come Anker PowerWave permettono la ricarica in auto senza fili per induzione negli apparecchi che ne sono predisposti, come gli Huawei P30, i Samsung S10 o gli Apple iPhone di ultima generazione.

Anker PowerWave è un dispositivo di facile utilizzo, consistente un nel corpo con la piastra ad induzione per la ricarica senza fili dove va appoggiato il cellulare e due robuste ed ampie “braccia” che “afferrano” anche il cellulare più voluminoso, tenendolo ben saldo. Anker PowerWave si inserisce su una delle alette delle bocchette di ventilazione dell’auto e lo si collega con l’apposito cavetto alla presa Usb di ricarica (se presente nell’auto, oppure a quella di un caricatore apposito da inserire nella presa dell’accendisigari, non in dotazione nella confezione).Anker PowerWave

Una volta collegato Anker PowerWave all’alimentazione e posizionato il telefono tra le “braccia” che si aprono grazie alla pressione di un pulsante e si serrano sui fianchi del cellulare semplicemente premendole (azionabili con una mano sola), inizia il processo di ricarica la cui velocità dipende dalla capacità di assorbimento del telefono e dalla quantità di energia erogata dall’alimentatore. I telefoni più recenti sono in grado di assorbire da 7,5 W (Apple) a 10 W (i top di gamma Android, come Huawei e Samsung), abbreviando decisamente i tempi di ricarica rispetto ad alimentatori di minor potenza, i quali riescono a mantenere stabile la carica della batteria quando il cellulare è utilizzato come navigatore con lo schermo sempre acceso.

Il processo di ricarica avviene in modo efficiente con il cellulare tolto dalla custodia di protezione, ma è attivo (ma meno efficacemente) anche nel caso che queste non siano particolarmente spesse, specie sul lato posteriore del telefono. Il posizionamento sulla bocchetta d’areazione consente di raffreddare sia il caricatore che il cellulare, garantendone la sicurezza e limitando lo stress degli apparecchi durante il loro utilizzo prolungato.

Per rimanere sempre aggiornati con le ultime notizie de “Il NordEst Quotidiano”, consultate i canali social:

Telegram

https://t.me/ilnordest

Twitter

https://twitter.com/nestquotidiano

Linkedin

https://www.linkedin.com/company/ilnordestquotidiano/

Facebook

https://www.facebook.com/ilnordestquotidian/

© Riproduzione Riservat