Orso M49 “Maurizio” continua la fuga

Il sottosegretario all’ambiente Gava (Lega) in contrato con il ministro Costa (M5s), chiede sia catturato al più presto. Ma Aidaa chiede la grazia a Mattarella. Feltri dà del “coglione” al presidente della provincia di Trento.

0
493
orso

La vicenda dell’orso M49Maurizio” (in onore al presidente della provincia di Trento, Maurizio Fugatti, che lo sta braccando) o “Papillon” (secondo l’appellativo scelto dal ministro all’ambiente Sergio Costa, in onore alla sua capacità di fuggire dalle carceri come il celebre ergastolano francese) non cessa di fare discutere sia gli operatori del settore che i cittadini, i quali pendono in maggioranza a favore della libertà dell’orso.

In Trentino, il problema della convivenza con l’orso reintrodotto dalla Slovenia sul finire degli anni Novanta del secolo scorso, deriva tutto dal fatto che gli operatori agricoli e soprattutto gli allevatori si sono dimenticati delle buone pratiche di prevenzione contro questo legittimo abitante dei boschi e delle montagne della Provincia dopo che era stato sterminato. Anche i tanti denunciati episodi di predazione e di razzia, alla fine dei conti, secondo il ministero per l’Ambiente, sono poca cosa, b, come da normativa vigente, dalla Provincia agli allevatori ed agricoltori che li hanno subiti. Inoltre, gli episodi di aggressività dell’orso nei confronti dell’uomo sono stati sporadici e di qui a parlare di pericolosità ce ne corre.

Detto ciò, emerge come tutta la vicenda sia stata gestita un po’ superficialmente sia dagli operatori della Forestale provinciale che, soprattutto, dalla politica trentina, che ha voluto far proprie le istanze del mondo agricolo trascurando una visione complessiva della questione.

Intanto, mentre prosegue la fuga dell’orsoMaurizio” o “Papillon”, il ministero dell’Ambiente evidenzia una spaccatura al suo vertice. Il sottosegretario leghista Vannia Gava è intervenuto a sostegno del suo sodale di partito Fugatti auspicando che «l’orso M49 vada al più presto catturato, la sua aggressività è stata acclarata da tempo e vanno prese tutte le misure necessarie per limitare la sua pericolosità. Se poi ci saranno questioni di sicurezza pubblica, come ha detto il presidente Fugatti, sarà egli stesso a valutare il da farsi». Gava aggiunge poi che «la cattura non può più essere rimandata e la Forestale, che ringrazio, sta lavorando per questo: sono certa che sarà a breve preso e messo in sicurezza, spero che così si plachino tutte le sterili polemiche di parte di queste ore che rischiano solo di nuocere all’immagine di un territorio straordinario come il Trentino». Da par suo, il ministro all’Ambiente, il grillino Sergio Costa dichiara «che l’orso non è pericoloso e non va assolutamente ucciso. In caso di sua cattura se ne potrà valutare il trasferimento in un altro territorio», arrivando ad affibbiare il nome di “Papillon” in onore del famoso ergastolano fuggitivo all’orsoMaurizio”.

Mentre i protezionisti si rivolgono al Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella «per revocare l’ordine di cattura e lo si lasci vivere liberamente. L’orso M49 non ha mai aggredito, anzi non si è mai avvicinato a un essere umano e anche le sue scorribande hanno causato pochissimi danni rispetto alla decisione folle di volerlo uccidere».

Sul tema interviene pure il direttore del quotidianoLibero” nel corso di un’intervista radiofonica a “La Zanzara” di Radio24: «faccio il tifo per l’orso» esordisce Feltri e quanto al presidente del Trentino, Maurizio Fugatti, che ne ha decretato la cattura e l’eventuale soppressione, Feltri è secco: «questo governatore del Trentino è un coglione totale. Cioè, se vuole abbattere un orso è un coglione. Non capisco il motivo per il quale deve abbattere l’orso solo perché è più intelligente di lui. Un animale come l’orso che riesce a superare una barriera alta quattro metri, si vede che ha un’intelligenza superiore alla media,compreso il sottoscritto. E’ sicuramente più intelligente di Di Maio».

Feltri difende a spada trattaMaurizio” o “Papillon”: «è più intelligente degli uomini che lo perseguono. Non c’è dubbio. Uno che riesce a fuggire da una gabbia alta quattro metri non può essere stupido come un umano. Ma perché deve sparargli, cosa ti fa l’orso? L’orso non ti fa niente. Agli uomini gli orsi non fanno niente. Se tu vai a rompergli i coglioni, loro ti spaccano la testa e fanno anche bene. Chiamate Del Turco che convive con gli orsi in Abruzzo. Così vi spiega come stanno gli orsi in Abruzzo, nessuno gli fa un cazzo, gli danno tutti da mangiare, convivono pacificamente. Ma gli orsi sono bestie molto tenere, molto buone”.

Le parole di scarso apprezzamento di Feltri nei confronti di Fugatti (che, richiesto in proposito, non ha commentato) sono rispedite al mittente dalla capogruppo leghista in Consiglio provinciale di Trento, Mara Dalzocchio, con un «le parole di Feltri si commentano da sole».

Per rimanere sempre aggiornati con le ultime notizie de “Il NordEst Quotidiano”, consultate i canali social:

Telegram

https://t.me/ilnordest

Twitter

https://twitter.com/nestquotidiano

Linkedin

https://www.linkedin.com/company/ilnordestquotidiano/

Facebook

https://www.facebook.com/ilnordestquotidian/

© Riproduzione Riservata