XV edizione di Formula SAE Italy, Formula Electric Italy & Formula Driverless: primeggiano le squadre italiane

Prime nella classe 1C, il Politecnico di Milano, nella classe 1E, il Politecnico di Torino
e nella classe Driverless l’Universita di Roma La Sapienza. Nella classe 3 trionfa l’Università di Roma Tor Vergata,
mentre il team dell’Università di Padova guadagna il secondo posto nella Classe 1C. 

0
425
Formula SAE Italy

Con la cerimonia di chiusura serale si è conclusa a Varano de’ Menegari la XV edizione di Formula SAE Italy, Formula Electric Italy & Formula Driverless, competizione internazionale organizzata da Anfia (l’associazione della filiera automobilistica italiana) in collaborazione con SAE International e con l’AutodromoR. Paletti” di Varano de’ Melegari e con la supporto principale di FCAe di Dallara. L’evento ha visto la partecipazione di oltre 2.600 studenti provenienti da 26 Paesi (India e Israele i più lontani) e da oltre 79 diversi atenei. Complessivamente sono stati 86 i team in gara, di cui 69 europei, con 17 italiani, provenienti da 15 atenei.

Per la prima volta nella storia della Formula SAE Italy, il podio della Classe 1C (vetture a combustione interna), vede al primo posto una squadra italiana costituita dal Politecnico di Milano con il team Dynamis PRC, arrivato quarto alla scorsa edizione, che ha dimostrato di essere cresciuto molto quest’anno, ottenendo punteggi elevati in tutte le prove e vincendo sia il Design Event che l’Endurance della Classe 1C, grazie a una vettura impostata bene e a un eccellente lavoro di squadra. In seconda posizione, l’Università di Padova con il team Race UP Combustion, che ha presentato una vettura di livello, ma leggermente più lenta nell’endurance e, in terza, la Czech Technical University of Prague, con il team CTU CarTech, con una vettura ben progettata e prestazioni decisamente buone del team, soprattutto nelle prove statiche (secondo posto al Design Event).

Altro primato assoluto per una squadra italiana nella Classe 1E (vetture elettriche), dove trionfa il Politecnico di Torino con la Squadra Corse, posizionatosi al terso posto lo scorso anno, con performance equilibrate in tutte le prove e un’ottima prestazione all’Endurance, pur non avendo sostenuto la prova di Autocross, mentre si aggiudica il secondo posto la University of LjubljanaSuperior engineering, seconda classificata anche all’Endurance 1E, e il terzo va alla Aristotle University of Thessaloniki, con l’Aristotle University Racing Team ElectricAristurtle, con un buon posizionamento nell’Endurance e la vittoria nel Business Presentation Event, per il secondo anno consecutivo.

Formula SAE Italy
I festeggiamenti delle squadre italiane nella cerimonia di chiusura dell’edizione 2019 della Formula SAE Italy.

Podio tricolore anche nella Classe 3 (presentazione del solo progetto della vettura), dove ha conquistato la vetta della classificaSTV-Scuderia Tor Vergata dell’Università di Roma Tor Vergata, seguita, al secondo posto, dall’Unical Reparto Corse dell’Università della Calabria e, al terzo, dall’Unitus Racing Team dell’Università della Tuscia.

Nella Classe 1D (Driverless), al secondo anno di esperienza alla Formula SAE Italy, il primo premio è andato all’Università di Roma La SapienzaSapienza Corse, la cui vettura si è dimostrata essere la più pronta a sostenere le varie prove dinamiche e l’unica, in questa categoria, a completarle tutte, ottenendo automaticamente la vittoria, seguita da Delft University of Technology MITeamDelft, squadra più strutturata ma con problemi di prestazione della vettura nelle prove dinamiche e da RWTH AachenEcurie Aix Formula Student Team, premiata dagli sponsor dell’evento per l’elevato livello tecnologico e ben posizionata nelle prove statiche.

«La quindicesima edizione di Formula SAE Italy, la terza organizzata da Anfia, ha confermato il successo delle precedenti e ha visto trionfare le squadre italiane, cresciute di livello rispetto allo scorso anno – ha commentato Gianmarco Giorda, direttore di Anfia. La sfida internazionale tra i team ha presentato numerosi elementi di interesse, a partire dalle soluzioni tecnologiche innovative apprezzate dalle giurie in particolare nelle classi delle vetture elettriche e driverless, attuale frontiera dell’evoluzione del settore automotive. Per la prima volta, anche una squadra italiana, quella dell’Università di Roma La Sapienza si è misurata con la novità della guida autonoma, gareggiando con l’unica vettura driverless a combustione e aggiudicandosi il primo premio in questa categoria».

Al centro della manifestazione,, sottolinea Giorda, «anche quest’anno, la passione e l’entusiasmo tipico dei giovani partecipanti e l’arricchimento derivante dal confronto con esponenti qualificati delle maggiori aziende della filiera automotive e del motorsport, presenti all’evento come staff, sponsor e giudici, che hanno dato un contributo determinante alla realizzazione delle finalità educational dell’iniziativa. Sia i team più strutturati, sia gli emergenti traggono da questa esperienza significativi insegnamenti che permettono loro di maturare di anno in anno, acquisendo un approccio sempre più professionale. Come Anfia lavoriamo ininterrottamente per far crescere l’evento, aumentarne la visibilità a livello mondiale e l’attrattività, anche puntando sulla sua funzione di trait d’unione tra il mondo dell’università e quello dell’industria. Fondamentale, in tutto questo, il supporto delle aziende della filiera automotive coinvolte nella fase preparatoria e presenti durante la manifestazione».

Per rimanere sempre aggiornati con le ultime notizie de “Il NordEst Quotidiano”, consultate i canali social:

Telegram

https://t.me/ilnordest

Twitter

https://twitter.com/nestquotidiano

Linkedin

https://www.linkedin.com/company/ilnordestquotidiano/

Facebook

https://www.facebook.com/ilnordestquotidian/

© Riproduzione Riservata