Qualità dell’aria in Friuli Venezia Giulia mediamente di buona qualità

I dati 2018 elaborati dall’Arpa: migliorano le polveri sottili, anche per condizioni meteo favorevoli. Scoccimarro: «regione sempre più sostenibile». 

0
92
Qualità dell’aria

La qualità dell’aria in Friuli Venezia Giulia nel 2018 è stata complessivamente buona e mediamente rispettosa dei limiti di legge, con un miglioramento per le polveri sottili rispetto al 2017, in parte dovuto alle condizioni meteorologiche favorevolialla dispersione degli inquinanti. E’ quanto emerge dalla relazione sulla qualità dell’aria in regione predisposta dall’Arpa Fvg e presentata dall’assessore regionale alla difesa dell’ambiente, energia e sviluppo sostenibile, Fabio Scoccimarro, con il direttore generale dell’Arpa, Stellio Vatta, e il responsabile di struttura SOS Qualità dell’Aria, Fulvio Stel.

Tra i macroinquinanti – rileva il rapporto – l’attenzione si concentra in particolare sul materiale particolato e l’ozono. Le concentrazioni medie annue di Pm10 sono risultate ovunque inferiori al massimo consentito e per le Pm2.5 sono risultate anche inferiori al limite che entrerà in vigore nel 2020. Solo nelle fasce di territorio in prossimità del confine con il Veneto, in particolare nel Pordenonese, il numero di giorni con concentrazioni di polveri sottili sopra soglia è andato oltre al limite di 35 giorni.

Risulta invece più difficile da contrastare il fenomeno della presenza dell’ozono, che si forma direttamente in atmosfera e i cui valori sono stati elevati su quasi tutto il territorio regionale e leggermente superiori al 2017 a causa di un maggior apporto di radiazione solare nel periodo estivo. Il numero di superamenti giornalieri del valore limite è stato quasi ovunque superiore alla soglia di 25 ma nonostante le alte temperature e la forte insolazione i valori di picco dell’ozono raramente hanno raggiunto i valori ritenuti critici per le categorie sensibili.

Tra i microinquinanti, invece, i livelli di benzo(a)pirene, prodotto di combustioni non particolarmente efficienti, sono stati ovunque inferiori al limite di legge ma le concentrazioni riscontrate suggeriscono di prestare attenzione. I valori più alti si sono osservati soprattutto in inverno.

«Andiamo verso una Regione sempre più sostenibile è questo il nostro obiettivo» ha affermato l’assessore Scoccimarro. Tolte alcune criticità, lo studio presenta una qualità dell’aria che nel «2018 è migliorata rispetto al 2017 e agli anni precedenti, in conseguenza dei fattori atmosferici, delle politiche ambientali avviate e di una maggiore consapevolezza ed educazione ambientale della popolazione. Nelle prossime settimane apriremo dei focus specifici sul Maniaghese e sul Monfalconese – ha aggiunto Scoccimarro -. Alcune criticità ci sono, penso alla Ferriera e al Pordenonese che essendo contiguo al Veneto risente delle problematiche dell’aria della Pianura Padana».

Qualità dell’aria
L’assessore Scoccimarro alla presentazione del rapporto sulla qualità dell’aria in Friuli Venezia Giulia.

Scoccimarro ha annunciato anche l’intenzione di convocare gli “Stati generali” dell’ambiente, entro fine anno o nei primi mesi del 2020, coinvolgendo anche gli Stati limitrofi, Austria, Slovenia e Croazia, e le altre regioni dell’Alto Adriatico con cui «individuare e costruire una strategia comune per la tutela di tutti gli elementi che compongono l’ambiente, visto che l’aria non ha confini».

Scoccimarro ha poi evidenziato come la Regione stia valutando ulteriori iniziative per la salvaguardia del benessere animale, in particolare per quanto riguarda gli animali da affezione.

A questo link è possibile leggere il rapporto completo.

Per rimanere sempre aggiornati con le ultime notizie de “Il NordEst Quotidiano”, consultate i canali social:

Telegram

https://t.me/ilnordest

Twitter

https://twitter.com/nestquotidiano

Linkedin

https://www.linkedin.com/company/ilnordestquotidiano/

Facebook

https://www.facebook.com/ilnordestquotidian/

© Riproduzione Riservata