Accordo tra Iccrea e CCB: definiti gli assetti partecipativi e l’uscita definitiva di CCB dal capitale di Iccrea.

Regolato anche l’uso dei servizi di Phoenix – azienda ICT trentina – da parte delle BCC del Gruppo Iccrea. 

0
314
accordo tra Iccrea e CCB

Definito l’accordo tra Iccrea e CCB: Iccrea Banca, capogruppo del Gruppo Bancario Cooperativo Iccrea, ha raggiunto una definizione del contenzioso con Cassa Centrale Banca, capogruppo del Gruppo Cassa Centrale Banca–Credito Cooperativo Italiano, che consente la razionalizzazione delle partecipazioni detenute da entrambi i gruppi nelle rispettivecapogruppo e nelle altre aziende che operano nel sistema del credito cooperativo.

L’accordo permette l’uscitaentro il 2022 – del Gruppo Cassa Centrale Banca (sia della Capogruppo che delle BCC aderenti) dal capitale di Iccrea Banca, sancisce la definizione delle reciproche contestazioni e la rinuncia, da parte del Gruppo trentino, a ogni pretesa legale avanzata finora.

L’intesa prevede inoltre che le partecipazioni detenute oggi dal Gruppo Cassa Centrale Banca (pari a circa il 18% dell’intero capitale sociale di Iccrea Banca) siano ricollocate tra le banche aderenti al Gruppo Bancario Cooperativo Iccrea, o eventualmente presso investitori terzi, in 4 fasi previste fino al 2022.

L’accordo raggiunto consente, infine, una razionalizzazione degli assetti partecipativi dei due gruppi mediante la cessionedelle partecipazioni rispettivamente detenute da un gruppo in aziende dell’altro. L’operazione coinvolge, tra le altre, aziende quali Iccrea BancaImpresa, Banca Sviluppo e BIT – Servizi per il territorio (Gruppo Iccrea), e Phoenix e Servizi Bancari Associati (Gruppo CCB).

Le parti hanno poi siglato un ulteriore accordo strategico nel settore ICT (Information and Communication Technologies) per la fruizione dei servizi offerti da Phoenix, l’azienda informatica del Gruppo CCB. Grazie all’intesa, che prevede una durata minima di due anni, sarà garantita una agevole e ordinata fase di migrazione verso le piattaforme utilizzate dal Gruppo Iccrea per le BCC che attualmente adottano il sistema Phoenix.

«Siamo soddisfatti dell’accordo raggiunto – ha detto Giuseppe Maino, presidente di Iccrea Banca – a cui noi e il gruppo trentino siamo arrivati dopo un’interlocuzione continua e franca, e che ha consentito a entrambe le parti il raggiungimento di importanti obiettivi, a partire dalla razionalizzazione efficace dei propri assetti partecipativi».

Per Mauro Pastore, direttore generale di Iccrea Banca, «il confronto con Cassa Centrale Banca ci ha permesso di andare oltre il tema delle partecipazioni nei reciproci capitali, e di guardare anche ai servizi strategici, tra cui quelli informatici, che il Gruppo Iccrea può offrire alle BCC aderenti e alla loro clientela».

«Siamo molto soddisfatti dell’accordo raggiunto con il Gruppo romano – dichiara il presidente di CCB, Giorgio Fracalossi -. È stato un confronto concreto e improntato al reciproco rispetto che consente a entrambi i Gruppi di fare un importante passo in avanti».

Per rimanere sempre aggiornati con le ultime notizie de “Il NordEst Quotidiano”, consultate i canali social:

Telegram

https://t.me/ilnordest

Twitter

https://twitter.com/nestquotidiano

Linkedin

https://www.linkedin.com/company/ilnordestquotidiano/

Facebook

https://www.facebook.com/ilnordestquotidian/

© Riproduzione Riservata