Riforma della crisi di impresa a Padova la sesta edizione del convegno nazionale

0
158

Al via l’8 e il 9 novembre 2019 a Villa Borromeo (Sarmeola di Rubano), la sesta edizione della kermesse nazionale dedicata alla crisi di impresa, con oltre 25 relatori tra magistrati, avvocati, commercialisti, professori universitari ed esperti di crisi d’impresa provenienti da tutta Italia. Sei le sessioni di lavoro con un focus particolare sull’impatto che la riforma della crisi di impresa comporta per le PMI che dovranno dotarsi di nuovi assetti organizzativi e, nei casi previsti dalla legge, di un organo di controllo.

Scadrà infatti il prossimo 15 dicembre il termine per le PMI che rientrano nei parametri previsti dalla normativa per nominare l’organo di controllo. Una scadenza che rappresenterà anche l’occasione utile per effettuare un check up preventivo di conformità dell’azienda agli indicatori di allerta della crisi. L’adeguamento riguarda le società a responsabilità limitata cooperative che abbiano superato per due esercizi consecutivi almeno uno dei seguenti limiti: (I) 4 milioni di euro di attivo dello stato patrimoniale; (II) 4 milioni di euro ricavi delle vendite e delle prestazioni; (III) più di 20 dipendenti occupati in media durante l’esercizio.

“Con la riforma della crisi di impresa il legislatore si è proposto di rafforzare la cultura della gestione finanziaria delle imprese – osserva Dante Carolo presidente dell’Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Padova – spingendo l’imprenditore e il management a lavorare sulla prevenzione della crisi e sulla sua emersione tempestiva, attraverso il monitoraggio costante di alcuni indicatori di gestione. Come commercialisti siamo da mesi in prima linea per sensibilizzare e dare supporto alle PMI che si devono dotare di assetti organizzativi adeguati, per questo motivo la prossima settimana avvieremo anche la prima tappa di un road show provinciale in collaborazione con la Camera di Commercio patavina.”

Al via i lavori venerdì mattina 8 novembre con il convegno “codice della crisi di impresa e dell’insolvenza – impatti sulla gestione delle pmi e sull’operatività di professionisti e tribunali delle nuove disposizioni in materia di assetti organizzativi ed emersione anticipata”. Alle 09,30 la prima tavola rotonda sarà dedicata a “Le indicazioni del legislatore italiano e comunitario sull’anticipata emersione della crisi”, moderata da Giovanni Giuseppe Amenduni – Giudice delegato Tribunale di Padova, che vedrà gli interventi di Filippo D’Aquino – Consigliere Corte di Cassazione, Stefania Pacchi – Ordinario di diritto commerciale Università di Siena e Ciro Esposito – Commercialista in Napoli. Dopo la pausa caffè focus su “I nuovi assetti organizzativi e l’impatto sulla gestione delle PMI” nella sessione condotta dal consigliere nazionale dei commercialisti Andrea Foschi, con Paolo Rinaldi – Commercialista in Modena, Andrea Panizza – Senior partner AP & Partners – Università di Ferrara e Gabriele Gori Head of Italy Credit Risk Portfolio Analytics, Group Risk Management, Unicredit SpA.

Due le sessioni pomeridiane di venerdì 8novembre, la prima dedicata all’”evoluzione dei rapporti, dei ruoli e delle comunicazioni fra giudice delegato e pubblico ministero alla luce del nuovo codice della crisi d’impresa e dell’insolvenza” moderata da Maria Antonia Maiolino – Giudice delegato Tribunale di Padova con gli interventi di Lucia De Bernardin – Giudice delegato Tribunale di Catania, Andrea Zuliani – Giudice delegato Tribunale di Udine e Giorgio Orano – Sostituto Procuratore Roma; la seconda sull’”L’evoluzione dei ruolo e della responsabilità degli organi societari nel quadro generale dei sistemi di emersione anticipata della crisi” con gli interventi di Bruno Inzitari – Università di Milano Bicocca, Avvocato in Milano; Donata Patricia Costa – Sostituto Procuratore Milano; Riccardo Borsari – Università di Padova; Ignazio Arcuri – Commercialista in Milano, moderata da Maurizio De Acutis – Avvocato in Padova.

Sabato 9 i lavori si concluderanno dopo 2 sessioni, la prima dedicata a “La crisi di impresa vista dai nuovi protagonisti, declinazione pratica delle nuove norme e dei comportamenti conseguenti: l’allerta e l’iter conseguente” con gli interventi di Alberto Crivelli – Giudice delegato Tribunale di Monza, Danilo Galletti – Università di Trento, Avvocato in Bologna, Chiara Marchetto – Commercialista in Padova, moderati da Caterina Santinello – Presidente di sezione Tribunale di Alessandria. Infine la tavola rotonda “La crisi di impresa vista dai nuovi protagonisti, declinazione pratica delle nuove norme e dei comportamenti conseguenti: la scelta dello strumento alternativo alla liquidazione giudiziale” moderata da Daniela Bruni – Presidente di sezione Tribunale di Venezia con gli interventi di Giovanni Nardecchia – Giudice delegato Tribunale di Monza, Stefano Ambrosini – Università del Piemonte Orientale, Avvocato in Torino e Riccardo Ranalli – Commercialista in Torino.