Mercato dell’auto 2019 chiude in stagnazione

Il 2020 si apre con apprensione nel settore auto per l’entrata in vigore delle nuove, gravose norme europee sulle emissioni di CO2, in assenza di una coerente politica nazionale di sostegno al comparto. In calo le vendite delle marche nazionali. Boom a dicembre delle autoimmatricolazioni. 

0
178
mercato dell'auto auto aziendali

Nonostante la robusta crescita di dicembre, grazie alla vigorosa spinta di noleggio a lungo termine e autoimmatricolazioni, il mercato dell’auto nell’arco dell’intero 2019 conferma la propria debolezza, anno caratterizzato da accentuata volatilità delle vendite.

Secondo i dati diffusi dal ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, a dicembre aumenta del 12,5% la domanda di autovetture, con 140.075 unità immatricolate rispetto alle 124.535 dello stesso mese dello scorso anno. Nell’intero anno le immatricolazioni sono state 1.916.320, un flebile incremento dello 0,3% del mercato dell’auto rispetto al 2018, quando furono venduti 1.910.701 veicoli e si registrò un calo del 3,3% rispetto al 2017.

«In un contesto di forte, persistente incertezza economica e politica, interna e internazionale, e con l’introduzione nel 2020 dei nuovi limiti europei alle emissioni di CO2 e relative, pesanti sanzioni – ha commentato Michele Crisci, presidenteUNRAE, l’Associazione delle Case automobilistiche estere – spicca la mancanza di strategia da parte della politica nazionale che supporti organicamente e ordinatamente la filiera automobilistica italiana».

«Con particolare urgenza – sottolinea Crisci – sono necessari interventi tesi a svecchiare il nostro parco circolante, tra i più anziani d’Europa con circa 1/3 delle autovetture rispondenti a direttive ante Euro 4 e quindi con più di 14 anni di età, pericolosi per l’ambiente e la salute dei cittadini. In questa direzione UNRAE intende portare una serie di proposte concrete e coerenti, in un’ottica di medio termine, e in linea con le previsioni del protocollo per la qualità dell’aria».

Dall’analisi delle immatricolazioni per fascia di CO2 elaborata dal Centro studi e statistiche UNRAE, nel periodo marzo-dicembre risultano in aumento le vendite di autovetture nelle fasce che godono dell’Ecobonus: con un incremento del 110% (oltre il 300% i privati) nella fascia sino a 20 g/km di CO2 e del 40% nella fascia 21-70 g/km, che complessivamenterappresentano quasi l’1% delle vendite.

Tra tutte le fasce del mercato dell’auto, quella che cresce più lentamente (+0,5%) è la fascia delle vetture che emettono tra i 71 e i 160 g/km di CO2, che rappresenta circa il 96% delle vendite. In aumento anche gli acquisti dei veicoli che emettono oltre i 160 g/km, penalizzati dal “Malus” (che andrebbe eliminato il prima possibile), tutti in doppia cifra a esclusione della fascia 176-200, che registra un aumento del 3,5%.

Analizzando la domanda di autovetture per utilizzatori, emerge il nuovo, pesante calo dei privati, che a dicembrearchiviano una diminuzione delle immatricolazioni del 6,1% a quasi 75.000 unità e una perdita di quota di mercato di circa 10 punti percentuali al 52,8%, rispetto a un anno fa. D’altro canto, salgono vigorosamente gli acquisti delle persone giuridiche, con il +34% del noleggio e il +52% delle società. Ma, se la performance del noleggio è conseguenza della forte crescita del segmento a lungo termine (+48% a 19.000 unità con una quota che passa dal 10,0% al 13,2%), all’interno delle immatricolazioni a società sono le autoimmatricolazioni a fare la parte del leone (+74% a 31.000 unità con una quota che passa dal 13,9% al 21,6%), mentre le vendite ad altre società aumentano del 3,3% a 8.500 unità con una rappresentatività in diminuzione al 6,0%.

Sul fronte delle alimentazioni, si registra un calo a doppia cifra sia nel mese (-16,3%) sia nel cumulato (-22,2%) delle immatricolazioni di vetture Diesel con, rispettivamente, 48.930 e 770.483 unità. Ottima performance del benzina che con 68.883 unità rappresenta la motorizzazione con la quota di mercato più alta con il 48,7% (+7,3 p.p. nel mese e +9,0 p.p. nell’anno). Crescita del 70% nel mese per le ibride, con 9.800 unità immatricolate in rappresentanza del 6,9% del mercato. Positivo il risultato delle vendite di auto elettriche che archiviano un incremento a tripla cifra (+122% con 844 unità, che portano il risultato del 2019 a 10.566 veicoli (+111%), pur rimanendo complessivamente marginali rispetto al mercato complessivo. Aumento del 23% e 141% delle vendite di Gpl e metano con 9.500 e 3.400, rispettivamente.

Tutti i segmenti archiviano una performance positiva con risultati a doppia cifra, a eccezione di B – Utilitarie (+8,5%) e D – Medie Superiori (+8,9%). Crescono del 21% e del 13%, rispettiva A- Piccole e C – Medie, gli altri due segmenti di maggior volume. Proseguono in crescita E – Superiori (+17%) ed F – Alto di gamma (+52%).

Dal dettaglio per carrozzeria a dicembre, tutte le carrozzerie risultano in aumento eccetto station wagon (-3,0%) e monovolume (-12%). Tra i segmenti maggiori sovraperformano il mercato crossover (+25%) e fuoristrada (+16%). Nel cumulato annuo, i crossover (+16%) crescono più del mercato – ottenendo la seconda posizione in termini di rappresentatività con il 33,5% dietro alle berline con il 46,7% – insieme a multispazio (+3,1%) e cabrio e spider (+5,8%).

Analizzando le aree geografiche, spiccano la forte crescita delle immatricolazioni nel Centro (+29%) e la contrazione nelleIsole (-4,9%). Sale a doppia cifra l’area NordOvest (+13%) mentre si espandono anche le aree NordEst (+7,3%) e Meridionale (+1,7%).

Sul fronte delle emissioni di CO2, prosegue a dicembre il calo (-1,9%) con 118,2 g/km contro i 120,5 g/km dello stesso mese dello scorso anno. Rispetto a quanto registrato il mese scorso si riduce, ancora, leggermente, al 3,4% l’incremento del cumulato dei 12 mesi, con 119,1 g/km contro 115,1 g/km dell’intero 2018.

Le marche nazionali, nel complesso, totalizzano nel mese 31.308 immatricolazioni (-2,3%), con una quota di mercato del 22,3%. Nell’intero 2019, le immatricolazioni complessive ammontano a 458.745 unità (-9,1%), con una quota di mercato del 24%. Nei dodici mesi, i marchi di FCA totalizzano 452.025 autovetture immatricolate, con un calo del 9,5% e una quota di mercato del 23,6%.

Per rimanere sempre aggiornati con le ultime notizie de “Il NordEst Quotidiano”, consultate i canali social:

Telegram

https://t.me/ilnordest

Twitter

https://twitter.com/nestquotidiano

Linkedin

https://www.linkedin.com/company/ilnordestquotidiano/

Facebook

https://www.facebook.com/ilnordestquotidian/

© Riproduzione Riservata