Epidemia Coronavirus: la giunta del Friuli Venezia Giulia vara nuove misure

Sostegno dell’economa, credito di imposta per terziario e 5 milioni di euro per la Protezione civile. 

0
519
Friuli Venezia Giulia
La giunta regionale del Friuli Venezia Giulia.

La Giunta regionale del Friuli Venezia Giulia vara nuove norme per fare fronte all’epidemia Coronavirus: dalla riduzione dei canoni di locazione per le imprese del terziario, a ulteriori cinque milioni per la Protezione civile regionale e nuove proroghe e dilazioni a vantaggio delle pubbliche amministrazioni e delle imprese.

L’esecutivo regionale, su proposta dell’assessore alle attività produttive e turismo, Sergio Emidio Bini, ha disposto contributi nella forma di credito di imposta del 20% sui canoni di locazione degli immobili riferiti ai mesi di marzo e di aprile per le imprese che svolgono la loro attività nei settori ricettivo, turistico, commercio e dei servizi connessi a tali settori, inclusi gli esercenti di arti e professioni.

La delibera dà attuazione a quanto previsto dall’articolo 5 della legge regionale 3 sulle “Prime misure urgenti per far fronte all’emergenza epidemiologica da Covid-19”. Alle imprese è riconosciuto un contributo nella forma del credito d’impostapari al 20% delle spese sostenute e da sostenersi nel corso del 2020, relative ai mesi di marzo e di aprile 2020, per gli immobili rientranti nella categoria catastale C/1, e comunque nel limite massimo di 2.000 euro. Tale contributo si somma, per il mese di marzo, al 60% del credito di imposta deciso a livello nazionale dal decreto legge 18/2020, maggiorandolo e portandolo così all’80%. Il beneficio, precisa la Regione, è concesso a chi non era riconosciuto in difficoltà al 31 dicembre 2019 e vi si è trovato successivamente, a seguito dell’epidemia di Covid-19. Questa misura sarà subito all’attenzione della Commissione consiliare competente per essere varata definitivamente dalla Giunta nella seduta di venerdì prossimo.

La giunta Fedriga ha anche deciso di trasferire 5 milioni sul Fondo regionale per la Protezione civile in modo da acquisire misure indispensabili per fronteggiare l’emergenza. Il provvedimento è stato proposto dell’assessore alle finanze, Barbara Zilli. Le risorse vengono attinte dal Fondo straordinario per le spese impreviste del bilancio regionale.

Infine la Giunta, su proposta dell’assessore Roberti, ha perfezionato alcune modifiche allo schema di disegno di legge, che ha avuto parere positivo dal Consiglio delle Autonomie locali (Cal), su “Ulteriori misure urgenti per far fronte all’emergenza epidemiologica da Covid-19”, approvato dalla Giunta Fedriga lo scorso 20 marzo 2020. Tra i punti di maggior rilievo – oltre ai temi in materia di elezioni e di Piano del governo del territorio già ratificati dal Cal – viene precisato che tutti i termini per la presentazione degli adempimenti a carico dei beneficiari di incentivi stabiliti dalla normativa regionale sono prorogati al 30 giugno. L’amministrazione regionale sarà autorizzata a disporre l’erogazione, fino al 90%, degli incentivi già concessi e impegnati alla data di entrata in vigore della legge, con esclusione degli incentivi finanziati con risorse disponibili sugli esercizi successivi al 2020, entro trenta giorni dalla richiesta del beneficiario e senza la presentazione di garanzie.

Per quanto riguarda i titoli abilitativi nonché gli altri atti abilitativi edilizi, fino alla cessazione dichiarata dell’emergenza da Covid-19, essi conservano automaticamente la loro efficacia per ulteriori sei mesi rispetto alle scadenze ordinarie, senza necessità di alcun adempimento, comunicazione o richiesta da parte dei soggetti interessati.

Per il finanziamento degli interventi destinati al terziario (legge 4/2016), anche se non conclusi entro il 31 dicembre 2019, basterà che sia approvato il relativo progetto definitivo esecutivo e che i medesimi interventi siano ultimati entro il termine del 31 dicembre 2020.

Infine, per i beneficiari di “Pisus” (Piani integrati di sviluppo urbano sostenibile), il termine di ammissibilità delle spese sostenute è prorogato al 30 giugno 2021 e il termine di conclusione e di trasmissione della rendicontazione alla Struttura regionale attuatrice è prorogato al 31 dicembre 2021.

Per rimanere sempre aggiornati con le ultime notizie de “Il NordEst Quotidiano”, consultate i canali social:

Telegram

https://t.me/ilnordest

Twitter

https://twitter.com/nestquotidiano

Linkedin

https://www.linkedin.com/company/ilnordestquotidiano/

Facebook

https://www.facebook.com/ilnordestquotidian/

© Riproduzione Riservata