Prosciutto di Modena Dop, produzione stabile nel 2019

Circa 70.000 le cosce avviate alla produzione garantita dal Consorzio di tutela. 

0
679
prosciutto di modena dop

La produzione 2019 del Prosciutto di Modena Dop si conferma stabile con una quota di mercato di 70.000 cosce avviate alla produzione tutelata dal relativo Consorzio. Nel 2018 è stato registrato un incremento a due cifre (16.3%) rispetto all’anno precedente, per un valore al consumo di circa 12 milioni di euro.

Tra gli obiettivi futuri del Consorzio Prosciutto di Modena Dop il rafforzamento della penetrazione nel mercato giapponese, già previsto per il 2020 con una presenza alla fiera Foodex Japan, in programma per lo scorso mese di marzo, ma momentaneamente posticipata a causa degli ultimi avvenimenti legati all’emergenza sanitaria globale.

Caratteristica peculiare del Prosciutto di Modena è «l’essere l’unico tra i prosciutti italiani ad avere una stagionatura minima di 14 mesi, la più lunga tra tutti i prosciutti Dop italiani» sottolinea il Consorzio che raggruppa 10 produttori.

«Nel 2019 – afferma il presidente del Consorzio Prosciutto di Modena Dop, Giorgia Vitalisiamo riusciti a mantenere stabile la produzione, risultato positivo considerando che l’anno precedente c’era stato un forte incremento. Prosegue la promozione e la commercializzazione del nostro prodotto verso i mercati esteri. Il Prosciutto di Modena Dop continua ad essere presente e molto apprezzato in Germania, Inghilterra e Francia».

Per rimanere sempre aggiornati con le ultime notizie de “Il NordEst Quotidiano”, consultate i canali social:

Telegram

https://t.me/ilnordest

Twitter

https://twitter.com/nestquotidiano

Linkedin

https://www.linkedin.com/company/ilnordestquotidiano/

Facebook

https://www.facebook.com/ilnordestquotidian/

© Riproduzione Riservata