Autonomia dell’Alto Adige eroga finanziamenti agevolati all’economia

Approvato dalla giunta provinciale un ulteriore passo a sostegno dell’economia locale, con la possibilità di accedere a credito bancario agevolato dal 35.000 a 1,5 milioni di euro. 

0
559
finanziamenti agevolati provincia di bolzano
Il presidente della provincia di Bolzano, Arno Kompatscher

Da settimane la Giunta altoatesina lavora a un ampio programma per sostenere famiglie e imprese nella ripartenza dopo la crisi di liquidità conseguente alle misure di contenimento da Coronavirus tramite Autonomia dell’Alto Adige eroga finanziamenti agevolati all’economia l’erogazione di finanziamenti agevolati all’economia locale.

Dopo l’approvazione delle prime iniziative, fra cui la concessione di finanziamenti agevolati fino a 35.000 euro per famiglie e imprese e i finanziamenti a fondo perduto per le piccole imprese che sono già in fase di attuazione, la Giunta ha ora posto in essere un ulteriore passo. Su proposta del presidente Arno Kompatscher, l’esecutivo provinciale in accordo con istituti bancari e cooperative di garanzia ha autorizzato la messa a disposizione di finanziamenti agevolati di maggiore importo, a partire da 35.000 euro e fino a 1,5 milioni di euro.

Destinatari di questi finanziamenti agevolati sono impreselavoratori autonomi che hanno registrato a causa della pandemia da Coronavirus gravi e documentabili perdite di fatturato. «La sinergia fra Giunta provinciale, banche locali e cooperative di garanzia ha reso possibile mettere a disposizione questo aiuto immediato per garantire liquidità al sistema economico» ha rimarcato Kompatscher.

Le nuove misure approvate riguardano da un lato crediti di importi compresi fra 35.0000 e 300.000 euro per la durata di 6 anni, dei quali i primi due a tasso zero. «La Provincia si accollerà infatti il costo del tasso d’interesse dello 0,4%» ha chiarito Kompatscher. Per i successivi 4 anni, il tasso d’interesse ammontaall’Euribor più lo spread fino a un massimo dell’1,9%. Per i clienti non sussistono altre spese né commissioni.

Per i crediti di taglia maggiore, fra 300.000 e 1,5 milioni di euro, il tasso d’interesse nei primi 2 anni ammonta allo 0,4% grazie al fatto che la Provincia si assume il costo della differenza dello 0,5% sul totale dello 0,9% del tasso d’interesse originariamente applicato a questi importi. Per i successivi 4 anni, sulla durata complessiva di 6del prestito, il tasso d’interesse ammonterà all’Euribor più lo spread per un massimo dell’1,9%. In questo caso i costi per spese e commissioni ammontano allo 0,25% per un massimo di 2.500 euro.

All’intesa per l’erogazione di questi prestiti possono aderire tutte le banche con una filiale in Alto Adige. Imprese e lavoratori autonomi da mercoledì 29 aprile possono fare richiesta di questi crediti agevolati. Le condizioni dell’accordo per questi prestiti di importi superiori sono state concordate con i tre principali istituti di credito dell’Alto Adige: Banca Raiffeisen dell’Alto Adige, Cassa di Risparmio di Bolzano e Banca popolaredell’Alto Adige.

Le banche si sono impegnate a rispondere a tutte le richieste nel più breve tempo possibile e in ogni caso nell’arco di massimo 10 giorni.

Per rimanere sempre aggiornati con le ultime notizie de “Il NordEst Quotidiano”, consultate i canali social:

Telegram

https://t.me/ilnordest

Twitter

https://twitter.com/nestquotidiano

Linkedin

https://www.linkedin.com/company/ilnordestquotidiano/

Facebook

https://www.facebook.com/ilnordestquotidian/

© Riproduzione Riservata