LeCont brevetta una macchina per produrre fino a 70.000 mascherine di protezione al giorno

Riconversione dell’impresa trentina leader nella produzione di pneumatici per go-kart. Rinunciati i contributi di Invitalia.

0
124
mascherine di protezione
La macchina automatica per la produzione di mascherine di protezione sviluppata da LeCont

LeCont è un’impresa familiare di Rovereto in Trentino con 30 dipendenti che è stata capace di diventare uno dei più importanti protagonisti nel mondo per la produzione di pneumatici da corsa nel campo dei go-kart e ora ci cimenta nella produzione di mascherine di protezione. 

La chiusura dei mercati della gomma a causa della pandemia da Coronavirus e l’improvvisa ed enorme necessità di dispositivi di protezione, hanno spinto i titolari dell’azienda, i fratelli Sergio e Valter Cont, ad avviare una nuova iniziativa imprenditoriale finalizzata, in primis, a soddisfare le esigenze della popolazione trentina con un prodotto sicuro e certificato ideando dal nulla una macchina automatica per la produzione di mascherine protettive.

Attraverso una propria azienda del gruppo, la Go Energy, è stata progettata e realizzata internamente e in poco più di un mese, una macchina in grado di produrre mascherine di produzione certificate attraverso un processo tipicamente industriale che prevede una filiera ininterrotta dal rullo di tessuto sino alla mascherina completa di elastici termosaldati, quindi senza nessun intervento manuale nelle fasi di confezionamento. Le mascherine escono dalla macchina già imbustate, in confezioni termo sigillate da 1, 5 o 10 pezzi e successivamente vengono immesse in autoclave per un ulteriore processo di sterilizzazione. Ogni mascherina riporta il codice del lotto di tessuto di appartenenza per facilitarne la tracciabilità.

La componentistica meccanica e le materie prime utilizzate per la costruzione della macchina nonché per quella delle mascherine sono state reperite principalmente sul territorio locale e in piccola parte nelle province limitrofe. La capacità produttiva della macchina è ad oggi di circa 30.000 pezzi al giorno che diventeranno 60.000/70.000 al giorno entro il mese di giugno.

Le mascherine di protezione hanno passato tutti i test di filtrazione, respirabilità, pulizia microbica e compatibilità sino ad ottenere il riconoscimento dell’Istituto Superiore di Sanità. Sono prodotte anche in formato ridotto per poter essere indossate dai bambini. 

Nuovo prodotto, nuovo marchio: Sanifina (Medicale Italiana) è il marchio concepito e brevettato per identificare i prodotti del Gruppo, che nelle intenzioni e nei progetti dei fratelli Cont comprenderà anche una linea di sanificanti ed igienizzanti, copricapi, tute e guanti.

mascherine di protezione
Le mascherine di protezione in dimensione standard e bambino Sanifina.

Da sottolineare che Go Energy ha rinunciato ad un contributo di 200.000 euro che Invitalia le aveva concesso come premio ad aziende che in breve tempo avessero progettato e realizzato tecnologie industriali per dispositivi utili nella lotta alla pandemia da Coronavirus. Un premio che però prevedeva un vincolo sulle forniture al quale l’azienda ha preferito non sottostare per poter concentrare la distribuzione in primo luogo sul Trentino e per far fronte autonomamente agli impegni finanziari.

Per rimanere sempre aggiornati con le ultime notizie de “Il NordEst Quotidiano”, consultate i canali social:

Telegram

https://t.me/ilnordest

Twitter

https://twitter.com/nestquotidiano

Linkedin

https://www.linkedin.com/company/ilnordestquotidiano/

Facebook

https://www.facebook.com/ilnordestquotidian/

© Riproduzione Riservata