La nascente multiutility del Veneto guarda all’asse del Brennero

La provincia di Trento si dichiara favorevole all’alleanza tra Dolomiti Energia e Agsm-Aim.

0
470
multiutility del veneto

La multiutility del Veneto con la fusione tra Agsm e Aim, le municipalizzate di Verona e Vicenza, sta procedendo e a breve potrà diventare un’interessante realtà economica ed erogatrice di servizi, anche grazie alle alleanze che si verranno a creare con A2A, con Dolomiti Energia ed Alperia.

La fusione tra Agsm e Aim porterà alla creazione di una multiutility del Veneto capace di generare un ebitda di 300 milioni di euro, un utile netto di 100 milioni di euro e un dividendo del 65% che garantirà agli azionisti pubblici di Verona e Vicenza di circa 150 milioni di euro in cinque anni.

Il processo d’integrazione tra Agsm e Aim procede parallelamente ad uno scenario che vede il rafforzamento delle alleanze anche sull’asse del Brennero, tanto che la nascente multiutility del Veneto potrebbe rapidamente ambire a diventare la multiutility del Triveneto o del NordEst, con l’aggregazione della trentina Dolomiti Energia e dell’altoatesina Alperia (quest’ultima già molto attiva sul fronte veneto).

La proposta di un’alleanza rafforzata tra Trento, Verona e Vicenza sul tema della fornitura di energia e altri servizi pubblici trova la piena condivisione della Provincia di Trento. Il gruppo Dolomiti Energia già nel luglio dello scorso anno aveva corrisposto alle intenzioni della multiutility veneta manifestando la propria disponibilità ad approfondire forme di collaborazione con Agsm e Aim che avevano avanzato la proposta di un polo triveneto attraverso il coinvolgimento di partner industriali del settore.

Le modalità di collaborazione e di alleanza sono ancora tutte da valutare, ma da parte del maggiore azionista di Dolomiti Energia, la provincia di Trento assieme ai comuni del territorio, c’è un sostanziale via libera per rafforzare la società in un settore strategico e fondamentale, anche alla luce dei prossimi rinnovi delle concessioni delle centrali idroelettriche attive in Trentino.

Lo stesso sul fronte altoatesino, con Alperia (e la provincia di Bolzano assieme ai comuni di Bolzano e di Merano) molto interessata a rafforzare la sua presenza sul territorio veneto.

In questo scenario, potrebbe giocare un ruolopesante” anche A2A, la municipalizzata di Milano e Brescia, già presente all’interno dell’alleanza Agsm e Aim.

Per rimanere sempre aggiornati con le ultime notizie de “Il NordEst Quotidiano”, consultate i canali social:

Telegram

https://t.me/ilnordest

Twitter

https://twitter.com/nestquotidiano

Linkedin

https://www.linkedin.com/company/ilnordestquotidiano/

Facebook

https://www.facebook.com/ilnordestquotidian/

© Riproduzione Riservata