Coronavirus, Italia malata… di (mala)burocrazia

In 100 giorni emanati 204 provvedimenti: 3.812 pagine destinate agli imprenditori. Confapi Padova: «un’epidemia di decreti e ordinanze tante carte, ma pochi aiuti concreti».

0
230
(mala)burocrazia
L'elenco delle centinaia di norme emanate per la gestione della pandemia da Coronavirus.

Festa della Repubblica o festa della (mala)burocrazia? Verrebbe da chiamarla così considerando che, proprio il 2 giugno, ricorrono i primi 100 giorni dall’entrata in vigore del Decreto Coronavirus dello scorso 23 febbraio, che introduceva “Misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da Covid-19”, instaurando le cosiddette “zone rosse”. Di fatto è il provvedimento che ha fatto da apripista a tutti quelli che sono venuti dopo, scandendo il ritmo degli ultimi tre mesi drammatici. 

Fabbrica Padova, centro studi di Confapi, ha provato a mettere in fila gli atti che riguardano più da vicino gli imprenditori veneti. Ebbene, sono usciti numeri che spaventano. Tra DPCM e decreti legge sono 19 quelli strettamente governativi, a cui aggiungere 62 tra decreti, ordinanze, circolari e informative varie ministeriali, e altri 87 documenti provenienti da istituti, agenzie ed enti nazionali, per un totale di 168 provvedimenti. 

A questi ne vanno aggiunti altri 36 emanati dalla Regione Veneto e, focalizzandosi sulla provincia di Padova, 6 comunicazioni della Prefettura. Il totale è impressionante: 204 atti (210 considerando la situazione padovana), in pratica più di due al giorno. Ma ancora di più lo è il conto delle pagine che compongono il “malloppo”: 3.812 (3.825 con gli atti della Prefettura). Il tutto, è il caso di ribadirlo, contando esclusivamente i documenti che interessassero la sfera dell’attività imprenditoriale, senza inserire quelli relativi alla cura personale e all’organizzazione interna dei vari enti. 

Altra nota: non sono state considerate le numerose ordinanze emesse a livello comunale, che vengono ad arricchire ulteriormente il conto e che porterebbero il totale ben oltre le quattromila pagine. Né figurano nel conto, ovviamente, i 110 nuovi provvedimenti attuativi attesi per rendere operativo il Decreto Rilancio. A proposito: è di 555 il totale gli articoli contenuti nei vari decreti nazionali, con la parte principale svolta proprio dal Decreto Rilancio dello scorso 19 maggio, che ne infila da solo 266 e che, occorre precisarlo, continuerà a essere soggetto a emendamenti sino a mercoledì 3 giugno. 

«All’epidemia vera si è accompagnata quella della (mala)burocrazia, che rappresenta quasi sempre l’esercizio dello strapotere dello Stato e dei suoi apparati sui cittadini, per non dire degli imprenditoricommenta il presidente di Confapi Padova, Carlo Valerio -. Si nutre di tempo, soldi, credibilità perduta delle istituzioni, rancore dei cittadini e imbarazzo dei funzionari, almeno di quelli volenterosi. Ci è riuscita, la (mala)burocrazia, inventando un linguaggio suo proprio, quasi incomprensibile, che ha creato inceppamenti anche fra gli stessi enti, si pensi solo ai ritardi nell’erogazione della cassa integrazione per le incomprensioni fra Regione e Inps. E il punto è che non solo gli atti di cui tener conto sono troppi, e molte volte in contraddizione fra loro, ma non c’è praticamente alcun documento ufficiale che non abbia bisogno di un traduttore/interprete per venire compreso e che non sia imbottito di riferimenti ad altri atti da abrogare. Si determina una situazione paradossale: se io non capisco cosa mi viene chiesto, farò fatica a farlo, ma se anche chi mi controlla non capisce cosa dovrebbe farmi rispettare, perché è scritto male e in forma non chiara, io non potrò fare il mio dovere e lui non potrà fare il suo». 

Curioso, a questo punto, prendere in esame un paio di esempi di (mala)burocrazia, in questo caso tratti da uno dei decreti più attesi e, a conti fatti, deludenti, di questi 100 giorni: il cosiddetto Decreto Liquidità dello scorso 8 aprile. L’articolo 13 (“Fondo centrale di garanzia Pmi”) è un vero “gioiello”, composto com’è da 13 commi, in cui il primo scorre dalla lettera a) alla p), con la lettera c) suddivisa a sua volta in 3 numeri. Alla lettera m) spicca un periodo di ben 2.300 caratteri, senza punteggiatura. Il successivo comma 2 si “limita” a essere ripartito in lettere dalla a) alla h), ma l’andazzo è lo stesso. E poi, altro elemento da considerare, proliferano ovunque le abrogazioni e i riferimenti a norme precedenti, costringendo i malcapitati lettori ad un continuo sfoglio di norme e pandette varie. 

Sempre nello stesso decreto, il comma 8 dell’articolo 18 (“Sospensione di versamenti tributari e contributivi”) è a sua volta emblematico da citare testualmente: «per i soggetti aventi diritto restano ferme, per il mese di aprile 2020, le disposizioni dell’articolo 8, comma 1, del decreto-legge 2 marzo 2020, n. 9, e dell’articolo 61, commi 1 e 2, del decreto-legge 17 marzo 2020, n. 18, per i mesi di aprile 2020 e maggio 2020, le disposizioni dell’articolo 61, comma 5, del decreto-legge 17 marzo 2020, n. 18. La ripresa della riscossione dei versamenti sospesi resta disciplinata dall’articolo 61, commi 4 e 5, del decreto-legge 17 marzo 2020, n. 18». Chi ci ha capito qualcosa alla prima lettura, è un genio!

Per quanto riguarda il conto degli articoli nei decreti governativi, come detto, il “capolavoro” di (mala)burocrazia è il recente Decreto Rilancio, che ne assomma 266, con 600 diversi provvedimenti per smuovere 55 miliardi, a fronte, ad esempio, dei 100 provvedimenti del “Cares Actamericano che ha movimentato ben 2.300 miliardi di dollari. 

«Non serve essere un critico letterario per affermare che la qualità della prosa è alquanto scadente, inzeppata di formule ambigue (“i congiunti”, oppure il termine “coreutica” al posto del più comune “danza”) e norme ordinate per ministero (ad esempio Mise o Lavoro) e non per obiettivo. Non a caso ad accompagnarlo ci sono altre 200 (!) pagine di relazione tecnica – chiosa sconfortato Valerio -. E diciamo tutto questo senza considerare che la gestione dell’emergenza è stata declinata in modo diverso fra lo Stato e le varie Regioni. Ne emerge un quadro in cui la pubblica amministrazione è in affanno totale. Questa era già la nazione in cui un imprenditore impiega 238 ore annue per pagare le imposte, il 46% in più della media Ocse. L’emergenza ha reso la situazione ancora più grave. Ne esce il ritratto di un’Italia malata, sì, ma di (mala)burocrazia».

Per rimanere sempre aggiornati con le ultime notizie de “Il NordEst Quotidiano”, consultate i canali social:

Telegram

https://t.me/ilnordest

Twitter

https://twitter.com/nestquotidiano

Linkedin

https://www.linkedin.com/company/ilnordestquotidiano/

Facebook

https://www.facebook.com/ilnordestquotidian/

© Riproduzione Riservata