Nasce Confidi Venezia Giulia

Fusione dei consorzi di Gorizia e di Trieste con 4.969 soci e 40 milioni di patrimonio.

0
114
confidi venezia giulia museo del risparmio

Dalla fusione dei Confidi di Gorizia e Trieste nasce Confidi Venezia Giulia, «nuova realtà – spiega il neo presidente, Antonio Paoletti – a sostegno delle esigenze di credito delle Pmi e liberi professionisti, più solida, efficiente, strutturata, capace di confrontarsi con maggiore competitività nel mercato regionale dei Confidi e con aumentato peso verso il mondo del credito e gli attori istituzionali». 

Il nuovo soggetto comprende la somma dei soci dei due Confidi, pari a 4.969 al 31 dicembre 2019 (2.690 Gorizia e 2.279 Trieste), un valore di patrimonio netto di «39.647.570 euro – spiega Paoletti – un monte di finanziamenti garantiti in essere di 116.774.250 euro, garanzie rilasciate in essere per 60.232.339 euro, finanziamenti deliberati nell’anno per 62.434.482 euro». 

Vicepresidenti del nuovo Confidi Venezia Giulia saranno Pietro Marangon (già presidente di Confidi Gorizia) e Franco Rigutti (già presidente di Confidi Trieste), direttore Pierluigi Medeot. 

Secondo dati diffusi in occasione della presentazione, il primo semestre 2020 registra un incremento di operatività dei due Confidi rispetto ad analogo periodo del 2019: +51% di affidamenti bancari deliberati, +116% di garanzie concesse. 

La crescita è dettata in particolare dal sostegno offerto alle attività economiche della Regione per fronteggiare l’emergenza sanitaria, attivato con iniziative specifiche assistite da coperture in garanzia sino al 100%. Nel caso di Gorizia, dal 16 marzo al 6 luglio sono state ricevute 371 richieste corrispondenti a 22.986.264 euro di finanziamenti di cui 17.954.092 euro deliberati. Al 31 maggio, il Confidi Trieste dopo 200 contatti con le imprese ha concretizzato 130 finanziamenti per 12 milioni con complessivi, 7 milioni di garanzie su linee di intervento specifiche attivate nel periodo dell’emergenza da coronavirus. 

Contemporaneamente, nell’operatività ordinaria sono stati posti in essere interventi per un valore di 9 milioni di finanziamenti. Nel periodo dell’emergenza l’importo medio degli affidamenti è raddoppiato, passando da 30-35.000 euro a 60-70.000 euro. 

Per rimanere sempre aggiornati con le ultime notizie de “Il NordEst Quotidiano”, consultate i canali social:

Telegram

https://t.me/ilnordest

Twitter

https://twitter.com/nestquotidiano

Linkedin

https://www.linkedin.com/company/ilnordestquotidiano/

Facebook

https://www.facebook.com/ilnordestquotidian/

© Riproduzione Riservata