Mercato delle “due ruote” in forte ripresa

Dopo il +37 di giugno arriva il +25,7% di luglio, ma il 2020 si avvia a chiudere in negativo.

0
893
mercato delle

Dopo il +37 di giugno arriva il +25,7% di luglio, ma il 2020 si avvia a chiudere in negativo.

Il mercato delle “due ruote” a motore va a gonfie vele, trainato dagli incentivi statali: dopo il +37,3% di giugno, ecco a luglio una nuova crescita del 25,7% rispetto allo stesso mese del 2019, grazie alla vendita di 40.105 veicoli tra moto, scooter e ciclomotori. 

A luglio il totale immatricolato (mezzi con cilindrata superiore a 50cc) ha raggiunto quota 36.824 unità (+24,59% rispetto al luglio 2019). Il segmento è trainato dalle moto (+31,11%, 15.040 unità vendute), incalzato dagli scooter (21.751 unità, +20,48%). Bene anche i ciclomotori: 3.281 pezzi, il 17,3% in più rispetto allo stesso mese del 2019. 

Per il presidente di Ancma, Paolo Magri «quella di luglio è una crescita per certi versi inaspettata segno di un’interessante attitudine degli italiani verso le due ruote: non solo per passione e per un rinnovato desiderio di svago, ma anche come strumento di mobilità individuale fruibile, veloce e sostenibile». 

Osservando le vendite per cilindrata del mercato delle “due ruote“, il risultato dei maxi-scooter oltre i 500 cc di cilindrata ha già recuperato le perdite dovute al confinamento. Il segmento relativo alle moto vede in testa le “naked”, seguite da enduro, stradali e moto da turismo. 

Secondo Magri «il confinamento ha interrotto il mercato nel momento di massima vitalità L’andamento positivo di questi ultimi due mesi di ripresa è però significativo e dà fiducia al settore e a tutta la filiera, anche se riduce solo parzialmente l’impatto su un 2020 che nei primi sette mesi segna un -14,63% nelle immatricolazioni (15,29% per le moto, -14,10% per gli scooter e -9,37% per i ciclomotori). L’autunno fa ancora paura». 

Nonostante il risultato positivo degli ultimi due mesi, il bilancio complessivo 2020 del mercato rimane in negativo visto che le vendite del quarto trimestre dell’anno negli ultimi anni non incidono in modo consistente sul risultato finale. 

Al settore mancherà quest’anno la spinta assicurata dall’Eicma, il principale salone europeo delle “due ruote” che è stata posticipato al 2021 causa il rischio pandemia da Coronavirus.

Uno sguardo anche sull’elettrico: nonostante gli incentivi statali, il segmento delle moto elettriche rimane ancora una cosa per pochi appassionati, mentre quello degli scooter è molto più vivace con 4.700 veicoli venduti nei primi sette mesi con una crescita del 67,9%.

Per rimanere sempre aggiornati con le ultime notizie de “Il NordEst Quotidiano”, consultate i canali social:

Telegram

https://t.me/ilnordest

Twitter

https://twitter.com/nestquotidiano

Linkedin

https://www.linkedin.com/company/ilnordestquotidiano/

Facebook

https://www.facebook.com/ilnordestquotidian/

© Riproduzione Riservata