Papa “Se non ci prendiamo cura degli ultimi il mondo non guarisce”

0
68

CITTA’ DEL VATICANO (ITALPRESS) – Prendersi cura l’uno dell’altro, a partire dagli ultimi del mondo, è il primo passo per uscire dall’emergenza coronavirus. Parola di Papa Francesco, che nel corso dell’Udienza generale ha messo in luce come “la pandemia abbia messo in risalto quanto siamo tutti vulnerabili e interconnessi. Se non ci prendiamo cura l’uno dell’altro – ha detto il Pontefice -, a partire dagli ultimi, da coloro che sono maggiormente colpiti, incluso il creato, non possiamo guarire il mondo”.
Per Papa Francesco “è da lodare l’impegno di tante persone che in questi mesi stanno dando prova dell’amore umano e cristiano verso il prossimo, dedicandosi ai malati anche a rischio della propria salute. Sono degli eroi. Tuttavia, il coronavirus non è l’unica malattia da combattere, ma la pandemia ha portato alla luce patologie sociali più ampie – ha proseguito -. Una di queste è la visione distorta della persona, uno sguardo che ignora la sua dignità e il suo carattere relazionale. A volte guardiamo gli altri come oggetti da usare e scartare. In realtà, questo tipo di sguardo acceca e fomenta una cultura dello scarto individualistica e aggressiva, che trasforma l’essere umano in un bene di consumo”.
“Mentre tutti noi lavoriamo per la cura da un virus che colpisce tutti in maniera indistinta – ha sottolineato il Papa -, la fede ci esorta a impegnarci seriamente e attivamente per contrastare l’indifferenza davanti alle violazioni della dignità umana. Questa cultura dell’indifferenza che accompagna la cultura dello scarto: le cose che non mi toccano non mi interessano. La fede sempre esige di lasciarci guarire e convertire dal nostro individualismo, sia personale sia collettivo; un individualismo di partito, per esempio”.
(ITALPRESS).