Dai restauri all’Arena di Verona spunta in un arcovolo lo scheletro di donna

Sepolto poco sotto selciato originale dell’anfiteatro. Tiné: «scoperta eccezionale in un luogo straordinario di un’antica sepoltura».

0
3060
arena di verona
Il rinvenimento di uno scheletro integro di donna durante i lavori di restauro dell'Arena di Verona.

I lavori di restauro in corso sull’anfiteatro dell’Arena di Verona svelano una traccia del suo antico passato, con il rinvenimento di uno scheletro di donna, perfettamente conservato, integro, individuato a poca profondità dal selciato originale dell’Arena, sotto l’arcovolo numero 31. 

«Il luogo del ritrovamento è straordinario – ha detto il sovrintendente, Vincenzo Tinè -. La scoperta in sé è eccezionale: una sepoltura antica a Verona non è consueta, in Arena è assolutamente inaspettata».

Saranno gli approfondimenti tecnico-scientifici avviati dalla Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio a datare l’età dei resti e, conseguentemente, a dare maggiori informazioni sulla storia della misteriosa donna. 

Il sovrintendente Tinè ha compiuto un sopralluogo sul luogo dello scavo assieme al sindaco Federico Sboarina, accompagnato dal vice sindaco con delega ai lavori pubblici, Luca Zanotto. 

«Dopo moltissimi anni, millenni di depredazioni, svuotamenti, sterri, trovare livelli romani nel sito e una sepoltura quasi sicuramente tardo-antico così integra è totalmente inaspettato. Rappresenta l’eccezionale testimonianza di vita in un monumento che ha avuto una storia lunghissima e travagliata, ma restituisce ancora tracce del suo passato remoto» ha aggiunto Tinè.

Il sovrintendente ha sottolineato che nel sito dell’Arena non sono mai state trovate sepolture: «quasi tutta l’Arena nell’arco di due millenni è stata svuotata, sterrata, manomessa nella sua lunga vita. In questo arcovolo si conservano livelli originali romani di fruizione e di drenaggio che sono attraversati da questa sepoltura che deve essere stata inserita nei livelli originali in epoca ancora piuttosto antica».

«E’ una gemma in più nell’Arena che è la gemma della città di Verona» ha commentato il sindaco Sboarina. Questa parte di opere di restauro dell’anfiteatro, avviate alla fine di novembre, prevede interventi per 8 milioni di euro su lavori complessivi per 14 milioni effettuate tramite le risorse messe a disposizione da UniCredit Banca e Fondazione Cariverona con l’Art Bonus. 

Per rimanere sempre aggiornati con le ultime notizie de “Il NordEst Quotidiano”, consultate i canali social:

Telegram

https://t.me/ilnordest

Twitter

https://twitter.com/nestquotidiano

Linkedin

https://www.linkedin.com/company/ilnordestquotidiano/

Facebook

https://www.facebook.com/ilnordestquotidian/

© Riproduzione Riservata