Il significato dei simboli sulle monete degli euro che non tutti conoscono

Le effigi dei “ramini”, dei dorati e dei bimetallici tra continuità e celebrazioni.

0
3452
merito del credito
L'Euro nei vari tagli di moneta metallica.

Ormai da quasi vent’anni abbiamo dovuto dire addio alle vecchie lire e abbiamo dato il benvenuto agli euro nella vita di tutti i giorni. Non tutti però, dopo tutto questo tempo, conoscono il significato dei simboli riportati sulle monete che attendono di essere spese nel nostro portafoglio. L’Italia, come ogni Stato, ha scelto immagini diverse da riprodurre sui propri euro e in circolazione esistono monete uniche e poco diffuse.

Cosa sono gli euro?

L’euro è la moneta unica dell’Unione Europea entrata in vigore nel 2002 e oggi utilizzata da ben diciannove Stati europei. L’area dell’Europa che ha abbandonato la vecchia moneta nazionale in favore dell’euro è dettaeurozona”, sebbene esistano alcuni Paesi, come la Svezia e la Polonia, che hanno deciso di entrare nell’Unione Europea senza però adottare l’euro. 

La nascita dell’euro ha portato alla luce una nuova moneta internazionale la cui presenza sui mercati è stata fin dal 2002 estremamente forte e importante, tanto che ancora oggi l’euro è una delle principali valute utilizzate dai broker di trading che si occupano di forex e che spesso si basano proprio sullo spread o differenziale tra euro e dollaro. 

Oggi sono più di 340 milioni gli europei che utilizzano l’euro nella vita di tutti i giorni e che ne hanno colto appieno i vantaggi soprattutto quando visitano altri Paesi europei senza dover più convertire il proprio denaro con quello utilizzato all’estero. 

La moneta in euro circolante è articolata su otto monete e su sette banconote di valore diverso che vanno da 0,01 euro fino a 500 euro. Tutte le monete e le banconote riportano su di esse simboli comuni a tutti i Paesi europei, ma nel caso delle monete le immagini riportate sul lato della testa variano da paese a paese, rendendo così riconoscibile il luogo di origine di ogni singola moneta. L’Italia è uno dei pochi Paesi ad avere scelto di utilizzare un simbolo diverso per ogni moneta, mentre altri Stati hanno optato per un solo simbolo o per lo stesso simbolo per tutte le monete rosse, lo stesso per quelle dorate e via discorrendo.

Simboli sulle monete in Italia e non solo

Tutti ormai sanno che ogni moneta riporta quindi dei simboli diversi, ma non tutti ne conoscono il significato. Analizzando i simboli presenti sulle diverse monete coniate dai Paesi membri si noteranno degli elementi e dei temi in comune. Prima di tutto, questi simboli sono quasi sempre dei chiari rimandi alla storia, alle tradizioni o alle caratteristiche intrinseche dei diversi Paesi. Tali immagini possono essere suddivise in diverse categorie come animali, piante, navi, opere d’arte, edifici, personaggi famosi, ecc. 

Anche l’Italia non è da meno e sulle monete coniate nel Belpaese sono presenti edifici, opere d’arte e un personaggio famoso. Gli edifici sono rappresentati sulle monete di rame (quelle rosse) e rappresentano Castel del Monte ad Andria, la Mole Antonelliana di Torino e il Colosseo di Roma, rispettivamente sulle monete da uno, due e cinque centesimi. Le monete dorate riportano invece immagini di opere d’arte a partire dal volto della Venere di Botticelli, sui dieci centesimi, passando per l’opera futurista di Boccioni “Forme uniche della continuità nello spazio” sui venti centesimi e infine sull’immagine ispirata a un disegno di Michelangelo che rappresenta la Statua equestre di Marco Aurelio al Campidoglio sui cinquanta centesimi.

euro
Le varie facce delle monete in Euro coniati in Italia.

Anche la moneta da un euro rappresenta un’opera d’arte, cioè l’Uomo Vitruviano di Leonardo da Vinci, simbolo scelto personalmente dall’allora Presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi. Sulla moneta da due euro campeggia infine l’inconfondibile profilo del poeta italiano per antonomasia, Dante Alighieri del quale nel 2021 si celebrano i 700 anni dalla morte. 

Talvolta notare la presenza di monete insolite. Questo è dovuto al fatto che ogni Stato europeo può coniare ogni anno fino a due tipi di monete commemorative speciali. Queste monete devono essere tassativamente da due euro e rappresentano immagini che richiamano a eventi o personaggi importanti o ricordano un anniversario speciali. Negli anni l’Italia ha prodotto molte di queste monete, come quella dedicata ai XX Giochi Olimpici Invernali nel 2006, quella per celebrare i sessant’anni della Dichiarazione universale dei diritti umani nel 2008 o quella dedicata ai duecento anni dalla nascita di Camillo Benso conte di Cavour.

La prossima volta in cui decideremo di spendere qualche euro possiamo dedicare alle nostre monete un momento in più per ammirarne le decorazioni e analizzare con cura i simboli su queste riprodotti che raccontano la storia e la cultura del nostro Paese in otto diverse immagini.

Per rimanere sempre aggiornati con le ultime notizie de “Il NordEst Quotidiano”, consultate i canali social:

Telegram

https://t.me/ilnordest

Twitter

https://twitter.com/nestquotidiano

Linkedin

https://www.linkedin.com/company/ilnordestquotidiano/

Facebook

https://www.facebook.com/ilnordestquotidian/

© Riproduzione Riservata